The LiederNet Archive
WARNING. Not all the material on this website is in the public domain.
It is illegal to copy and distribute our copyright-protected material without permission.
For more information, contact us at the following address:
licenses (AT) lieder (DOT) net

Ezio

Word count: 300

Opera by Georg Friedrich Händel (1685 - 1759)

Not all available information for this cycle is visible. Return to normal display.

. Se povero il ruscello


Se povero il ruscello
Mormora lento e basso,
Un ramoscello, un sasso
Quasi arrestar lo fa.

Ma se alle sponde poi
gonfio d'umor sovrasta,
argine oppor non basta,
e co' ripari suoi
torbido al mar sen va.


. Guarda se pria in questa fronte


Guarda pria se in questa fronte
trovi scritto alcun delitto
e dirai che la mia sorte
desta invidia e non pietà.

Bella prova è d'alma forte
L'esser placida e serena
Nel soffrir l'ingiusta pena
D'una colpa che non ha.


. Caro padre, a me non dei


Caro padre, a me non dei
Rammentar che padre sei:
io lo so, ma in questi accenti
non ritrovo il genitore.

Non son io che ti consiglia,
è il rispetto d’un regnante,
è l’affetto d’una figlia,
è il rimorso del tuo cor.


. Quanto mai felici siete


Quanto mai felici siete,
innocenti pastorelle,
che in amor non conoscete
altra legge che l’amor.

Ancor io sarei felice,
se potessi all’idol mio
palesar, come a voi lice,
il desio di questo cor.


. Il nocchier, che si figura


Il nocchier, che si figura
Ogni scoglio, ogni tempesta
Non si lagni se poi resta
Un mendico pescator.

Darsi in braccio ancor conviene
Qualche volta alla fortuna;
che sovente in ciò ch’avviene
la fortuna ha parte ancor.


. Nasce al bosco in rozza cuna


Nasce al bosco in rozza cuna
un felice pastorello
e coll’aure di fortuna
giunge i regni a dominar.
 
Presso al trono in regie fasce
sventurato un altro nasce
e fra l’ire della sorte
va gli armenti a pascolar.


1. Se tu la reggi al volo


Se tu la reggi al volo,
su la Tarpea pendice
l’aquila vincitrice
sempre tornar vedrò;

Breve sarà per lei
tutto il cammin del sole,
e allora i Regni miei col ciel dividerò.


2. Pensa a serbarmi, o cara


Pensa a serbarmi, oh cara,
i dolci affetti tuoi;
amami, oh cara,
e lascia poi ogn’altra cura a me, cara!
Tu mi vuoi dir col pianto,
che resti in abbandono;
nò, così vil non sono,
[e meco ingrato tanto
Cesare non è.]1


View original text (without footnotes)
1 : Jommelli: "e meco irato tanto / il fato non è."

Gentle Reminder
This website began in 1995 as a personal project, and I have been working on it full-time without a salary since 2008. Our research has never had any government or institutional funding, so if you found the information here useful, please consider making a donation. Your gift is greatly appreciated.
     - Emily Ezust

Browse imslp.org (Petrucci Music Library) for Lieder or choral works