Michelangelo-Poem

Song Cycle by Johan Kvandal (1919 - 1999)

Word count: 188

1. Come può esser ch'io non sia più mio?[sung text checked 1 time]

Come può esser ch'io non sia più mio?
O Dio, o Dio, o Dio!
Chi [m'ha tolto]1 a me stesso,
c'a me fusse più presso,
O più di [me potessi che poss'io?]2
o Dio, o Dio, o Dio!
Come mi passa el core,
chi non par che mi tocchi?
Che cosa è questo Amore,
[c'al core entra per gli occhi,
per poco spazio dentro par che cresca?
E s'avvien che trabocchi?]3

Authorship

Available translations, adaptations or excerpts, and transliterations (if applicable):

View original text (without footnotes)
1 Kvandal: "mi tolse"
2 Kvandal: "me, che mi possa esser io,"
3 Kvandal:
Chi e quel che per forza a te mi mena.
Ohime, Ohime, Ohime!
Legato e stretto, e son liberoe sciolto?
Se tu 'n cate ni altrui,
senza catena, senza mani o braccia,
senza catena, senza mani,
o senza braccia m'hai racolto,
Chi mi difendera, chi mi difenderà
dal tuo bel volto, bel volto.

Researcher for this text: Emily Ezust [Administrator]

2. Non posso altra figura immaginarmi[sung text checked 1 time]

[ ... ]
Amor con le sue man gli occhi m'asciuga, promettendomi cara ogni fatica; ché vile esser non può chi tanto costa.

Authorship

Available translations, adaptations or excerpts, and transliterations (if applicable):

Researcher for this text: Emily Ezust [Administrator]

3. Se dal ciel non e concesso[sung text checked 1 time]

Se dal ciel non e concesso,
ascender col mortale in paradiso?
Se non ch'io sia divisio
dall alma per tuo grazia.

Authorship

Researcher for this text: Emily Ezust [Administrator]