You can help us modernize! The present website has been online for a very long time and we want to bring it up to date. As of April 20, we are $4,600 away from our goal of $15,000 to fund the project. The fully redesigned site will be better for mobile, easier to read and navigate, and ready for the next decade. Please give today and join dozens of other supporters in making this important renovation possible!

The LiederNet Archive
WARNING. Not all the material on this website is in the public domain.
It is illegal to copy and distribute our copyright-protected material without permission.
For more information, contact us at the following address:
licenses (AT) lieder (DOT) net

Libro VII de madrigali

Word count: 2862

Song Cycle by Claudio Monteverdi (1567 - 1643)

Show the texts alone (bare mode).

1. Tempro la cetra [ sung text checked 1 time]

Language: Italian (Italiano)

Translation(s): FRE GER

List of language codes

Authorship


Go to the single-text view

Available translations, adaptations or excerpts, and transliterations (if applicable):

  • FRE French (Français) (Guy Laffaille) , "J'accorde ma lyre", copyright © 2019, (re)printed on this website with kind permission
  • GER German (Deutsch) (Bertram Kottmann) , "Ich stimme die Lyra", copyright © 2007, (re)printed on this website with kind permission


Tempro la cetra, e per cantar gli onori
Di Marte alzo talor lo stil e i carmi.
Ma invan la tento e impossibil parmi
Ch'ella già mai risoni altro ch'amore.

Così pur tra l'arene e pur tra' fiori
Note amorose Amor torna a dettarmi,
Né vuol ch'io prend' ancora a cantar d'armi,
Se non di quelle, ond'egli impiaga i cori.

Or umil plettro a i rozzi accenti indegni,
Musa, qual dianzi, accorda, in fin ch'al canto
De la tromba sublime il Ciel ti degni.

Riedi a i teneri scherzi, e dolce intanto
Lo Dio guerrier, temprando i feri sdegni,
In grembo a Citerea dorma al tuo canto.


Submitted by John Versmoren

2. Non è di gentil core chi non arde [ sung text checked 1 time]

Language: Italian (Italiano)

Translation(s): ENG FRE

List of language codes

Authorship


See other settings of this text.

Available translations, adaptations or excerpts, and transliterations (if applicable):

  • ENG English (unknown or anonymous translator) , "His heart is not refined"
  • FRE French (Français) (Guy Laffaille) , copyright © 2019, (re)printed on this website with kind permission


Non è di gentil core
chi non arde d'amore. 
Ma voi, che del mio cor l'anima sete,
e nel foco d'amor lieta vivete,
sete di gentil core, 
perché ardete d'amore.


Submitted by John Versmoren

3. A quest'olmo, a quest'ombre [ sung text not yet checked against a primary source]

Language: Italian (Italiano)

Authorship


Go to the single-text view


A quest'olmo, a quest'ombre, ed a quest'onde,
ove per uso ancor torno sovente,
eterno i' deggio, ed avrò sempre in mente,
quest'antro, questa selva e questa fronde.

In voi sol, felici acque, amiche sponde,
il mio passato ben quasi presente
Amor mi mostra e del mio foco ardente
tra le viostre fresch'aure i semi asconde.

Qui di quel lieto dì soave riede
la rimembranza allor che la mia Clori
torna in dono se stessa e 'l cor mi diede;

già spirar sento erbette intorno e fiori,
ovunque o fermi il guardo o mova il piede,
dell'antiche dolcezze ancor gli odori.


Submitted by Emily Ezust [Administrator]

4. O come sei gentile, caro augellino [ sung text checked 1 time]

Language: Italian (Italiano)

Translation(s): ENG ENG FRE GER

List of language codes

Authorship


See other settings of this text.

Available translations, adaptations or excerpts, and transliterations (if applicable):

  • ENG English (Bertram Kottmann) , "Oh, how gentle you are", copyright © 2008, (re)printed on this website with kind permission
  • FRE French (Français) (Guy Laffaille) , copyright © 2019, (re)printed on this website with kind permission
  • GER German (Deutsch) (Bertram Kottmann) , "Wie sanft du bist", copyright © 2008, (re)printed on this website with kind permission


O come [se']1 gentile,
caro augellino! O quanto
è il mio stato amoroso al tuo simìle!
[Tu prigion, io prigion]2; tu canti, io canto;
tu canti per colei
che t'ha legato, ed io canto per lei.
Ma in questo è differente
la mia sorte dolente:
che giova pur a te l'esser canoro;
vivi cantando, ed io cantando moro.


View original text (without footnotes)
1 Monteverdi: "sei"
2 Monteverdi: "Io prigion, tu prigion"

Submitted by Emily Ezust [Administrator]

5. Io son pur vezzosetta pastorella [ sung text checked 1 time]

Language: Italian (Italiano)

Authorship


Go to the single-text view


Io son pur vezzosetta pastorella
che le guance ha di rose e gelsomini,
e questa fronte e questi aurati crini
mi fanno altrui parer Driade novella.

Di flora non v'è qui nobil donzella
o schiera di pomposi cittadini
che, quando in lor m'incontro e faccio inchini
il titol non mi dian de la più bella.

E se il giorno de la festa io vado al ballo,
mi porta ogni pastor perch'io l'inviti,
specchi, fior, frutti o vezzi di corallo.

E non saranno a te punto graditi,
caro Lidio, i miei sguardi?
E sempre in fallo ti pregherò,
crudel, che tu m'aiti?


Submitted by Emily Ezust [Administrator]

6. O viva fiamma, o miei sospiri ardenti [ sung text not yet checked against a primary source]

Language: Italian (Italiano)

Authorship


Go to the single-text view


O viva fiamma, o miei sospiri ardenti,
o petto pien di duol, o spirti lassi,
o pensier d'ogni speme ignudi e cassi,
o strali del mio cor fieri e pungrnti,

o bei desir de l'onorate menti,
o vane imprese, o dolorosi passi,
o selve, o piagge, o fonti, o fiumi , o sassi,
o sola mia cagion d'aspri tormenti,

o vaghe erbette, o fiori, o verdi mirti,
o loco un tempo a me dolce e giocondo
ov'io già sparsi dilettoso canto

o voi, leggiadri ed amorosi spirti,
- s'alcun vive guaggiù nel basso mondo -
pietà vi prenda del mio acerbo pianto!


Submitted by Emily Ezust [Administrator]

7. Vorrei baciarti, o Filli [ sung text checked 1 time]

Language: Italian (Italiano)

Authorship


See other settings of this text.


Vorrei bacarti, O Filli,
Ma non so come ove 'I mio bacio scocchi,
Ne la bocca o negl'occhi.
Cedan le labra a voi, lumi divini,
Fidi specchi del core,
Vive stelle d'Amore!
Ah, pur mi volgo a voi, perle e rubini,
Tesoro di bellezza,
Fontana di dolcezza,
Bocca, onor del bel viso:
Nasce il pianto da lor, tu m'apri il riso!


Submitted by John Versmoren

8. Dice la mia bellissima Licori [ sung text not yet checked against a primary source]

Language: Italian (Italiano)

Authorship


Go to the single-text view


Dice la mia bellissima Licori
quando talor favello seco d'amor,
ch'Amor è uno spiritello
che vaga e vola, e non si può tenere,
nè toccar, nè vedere;
e pur, se gli occhi giro,
ne' sugli begli occhi il miro:
ma nol posso toccar,
ché sol si tocca in quella bella bocca.


Submitted by Emily Ezust [Administrator]

9. Ah, che non si conviene romper la fede [ sung text not yet checked against a primary source]

Language: Italian (Italiano)

Authorship


Go to the single-text view


Ah, che non si conviene romper la fede
a chi la fe' mantiene.
Il mio fermo voler è quegli' istesso
lontan da voi, ch'esservi suole appresso,
nè può cangiarlo morte,
nè sia malbvagia sorte:
ma, fermo come a l'onde immobil scoglio,
e viver vostro e morir vostro io voglio.


Submitted by Emily Ezust [Administrator]

10. Non vedrò mai le stelle [ sung text not yet checked against a primary source]

Language: Italian (Italiano)

Authorship


Go to the single-text view


Non vedrò mai le stelle ne' bei celesti giri,
perfida, ch'io non miri
gli occhi che fur presenti
alla dura cagion de' miei tormenti,
e ch'io non dica lor: o luci belle,
deh siate sì rubelle di lume a chi rubella è sì di fede,
ch'anzi a rant'occhi e tanti lumi
ha core tradire amante sotto fe' d'amore.


Submitted by Emily Ezust [Administrator]

11. Ecco vicine, o bella tigre [ sung text not yet checked against a primary source]

Language: Italian (Italiano)

Authorship


Go to the single-text view


Ecco vicine, o bella tigre, l'ore
che tu de gli occhi mi nasconda i rai:
ah che l'anima mia non sentì mai,
meglio che dal partir, le tue dimore!

Fuggimi pur con sempiterno errore:
sotto straniero ciel, ovunque sai
che, quanto più peregrinando vai,
cittadina ti sento in mezzo al core.

ma potess'io seguir, solingo errante,
o sia per valli o sia per monti o sassi,
l'orme del tuo bel piè leggiadre e sante:

ch'andrei là dove spiri e dove passi,
con la bocca e col cor, devoto amante,
baciando l'aria ed adorando i passi.


Submitted by Emily Ezust [Administrator]

12. Perchè fuggi tra salci, ritrosetta? [ sung text not yet checked against a primary source]

Language: Italian (Italiano)

Authorship


Go to the single-text view


Perché fuggi tra salci, ritrosetta ma bella,
o cruda tra le crude, pastorella?
Perché un bacio di tolsi?
Miser più che felice,
corsi per sugger vita e morte colsi.
Quel bacio che m'ha morto,
tra le rose d'amor pungente spina,
fu più vendetta tua che mia rapina:
la bocca involatrice,
la bocca stessa che'l furò te'l dice!


Submitted by Emily Ezust [Administrator]

13. Tornate, o cari baci [ sung text checked 1 time]

Language: Italian (Italiano)

Authorship


Go to the single-text view


Tornate, o cari baci, a ritornarmi in vita
baci al mio cor digiun esca gradita!
Voi di quel dolce amaro per cui languir m'è caro,
di quel dolce non meno nettare che veleno
pascete i miei fameici desiri,
baci in cui dolci provo anco i sospiri!


Submitted by Emily Ezust [Administrator]

14. Soave libertate [ sung text checked 1 time]

Language: Italian (Italiano)

Authorship


Go to the single-text view


Soave libertate,
già per sì lunga etate
mia cara compagnia,
chi da te mi disvia?
O Dea desiata
e da me tanto amata,
ove ne vai veloce?
Lasso, che ad alta voce
in van ti chiamo e piango:
tu fuggi, ed io rimango
stretto in belle catene
d'altre amorose pene
e d'altro bel desìo:
addio, per sempre addio!


Submitted by Emily Ezust [Administrator]

15. S'el vostro cor, Madonna [ sung text checked 1 time]

Language: Italian (Italiano)

Authorship


Go to the single-text view


S'el vostro cor, Madonna, 
altrui pietoso tanto,
da quel suo degno al mio non degno pianto
tal hor si rivolgesse
e una stilla al mio languir ne desse,
forse nel mio dolore
vedria 
l'altrui perfidia,
e'l proprio errore.
e voi seco direste: Ah, sapess'io
usar pietà come pietà desio!


Submitted by John Versmoren

16. Interrotte speranze [ sung text not yet checked against a primary source]

Language: Italian (Italiano)

Translation(s): FRE

List of language codes

Authorship


Go to the single-text view

Available translations, adaptations or excerpts, and transliterations (if applicable):

  • FRE French (Français) (Guy Laffaille) , "Espoirs brisés", copyright © 2019, (re)printed on this website with kind permission


Interrotte speranze, eterna fede,
fiamme e strali possenti in debil core;
nutrir sol di sospiri un fero ardore
e celare il suo mal quand'altri il vede:

seguir di vago e fuggitivo piede
l'orme rivolte a volontario errore;
perder del seme sparso e'l frutto e'l fiore
e la sperata al gran languir mercede;

far d'uno sguardo sol legge ai pensieri
e d'un casto voler freno al desìo,
e spender lacrimando i lustri interi:

questi ch'a voi, quasi gran fasci, invio,
donna crudel, d'aspri tormenti e fieri,
saranno i trofei vostri e'l rogo mio.


Submitted by Emily Ezust [Administrator]

17. Augellin che la voce al canto spieghi [ sung text not yet checked against a primary source]

Language: Italian (Italiano)

Authorship


Go to the single-text view


Augellin che la voce al canto spieghi,
per pietà del mio duolo deh spargi l'ali a volo:
indi vanne a Madonna, anzi al mio sole,
e con soavi accenti dille queste parole:
o soave cagion d'aspri tormenti,
soffrirete voi sempre
che in pianto chi v'adora si distempre?


Submitted by Emily Ezust [Administrator]

18. Vaga su spina ascosa [ sung text checked 1 time]

Language: Italian (Italiano)

Authorship


See other settings of this text.


Vaga su [spin'ascosa]1
è rosa rugiadosa,
[ch'all'alba]2 si diletta,
mossa da [fresc'auretta]3;
ma più vaga è la rosa
[sulla]4 guancia amorosa,
ch'oscura e discolora
le guance [dell'Aurora]5:
Addio, Ninfa de fiori,
e Ninfa de gli odori,
Primavera gentile,
Statti pur con Aprile:
che più vaga e più vera
mirasi Primavera
su quella fresca rosa
del la guancia amorosa,
ch'oscura e discolora
le guance [dell'Aurora]5.


View original text (without footnotes)
1 Monteverdi: "spina ascosa"
2 Monteverdi: "che a l'alba"
3 Monteverdi: "tresca auretta"
4 Monteverdi: "de la"
5 Monteverdi: "de l'aurora"

Submitted by Emily Ezust [Administrator]

19. Eccomi pronta ai baci, Ergasto mio [ sung text checked 1 time]

Language: Italian (Italiano)

Authorship


Go to the single-text view


Eccomi pronta ai baci:
baciami, Ergasto mio; ma bacia in guisa
che de' denti mordaci
nota non resti nel mio volto incisa
perch'altri non m'additi
e in essa poi legga le mie vergogne e i baci tuoi.
Ahi, tu mordi e non baci;
tu mi segnasti, ahi ahi!
Possa io morir se più ti bacio mai!


Submitted by Emily Ezust [Administrator]

20. Parlo, misero, o taccio? [ sung text checked 1 time]

Language: Italian (Italiano)

Authorship


See other settings of this text.


Parlo, miser', o taccio? 
S'io taccio, che soccorso havrà il morire? 
S'io parlo, che perdono havrà l'ardire? 
Taci; che ben s'intende chiusa fiamma 
tal'hor da chi l'accende. 

Parla in me la pietade,
Parla in lei la beltade; 
e dice quel bel volto al crudo core, 
chi può mirarmi, e non languir d'amore?


Submitted by John Versmoren

21. Tu dormi, a crudo core [ sung text checked 1 time]

Language: Italian (Italiano)

Authorship


Go to the single-text view


Tu dormi, ah crudo core,
Tu poi dormir poi che in te dorme Amore
Io piango, e le mie voci lagrimose
A te che sorda sei portano invano,

Ohimè, l'aure pietose.
Ah ben i pianti miei
Pon lor pietosi i venti,
Ma te fan più crudel i miei lamenti.


Submitted by Guy Laffaille [Guest Editor]

22. Al lume delle stelle [ sung text checked 1 time]

Language: Italian (Italiano)

Authorship

Go to the single-text view


Al lume delle stelle
Tirsi, sotto un alloro,
si dolea lagrimando in questi accenti;
"O celesti facelle,
di lei ch'amo ed adoro
rassomigliate voi gli occhi lucenti.
Luci care e serene,
sento gli affani ohimé, sento le pene,
luci serene e liete,
sento le fiamme lor mentre splendete."


Submitted by Auditorium du Louvre

23. Con che soavità, labbra odorate [ sung text checked 1 time]

Language: Italian (Italiano)

Translation(s): FRE

List of language codes

Authorship

Go to the single-text view

Available translations, adaptations or excerpts, and transliterations (if applicable):

  • FRE French (Français) (Guy Laffaille) , "Avec quelle douceur, lèvres adorées", copyright © 2019, (re)printed on this website with kind permission


Con che soavità, labbra adorate,
e vi bacio e v'ascolto;
ma se godo un piacer, l'altro m'è tolto.
Come i vostri diletti
s'ancidono fra lor, se dolcemente
vive per ambe due l'anima mia?
Che soave armonia
fareste, o cari baci, o dolci detti,
se foste unitamente
d'ambe due le dolcezze ambo capaci,
baciando, i detti, e ragionando, i baci.


Submitted by John Versmoren and Guy Laffaille [Guest Editor]

24. Ohimè, dov'è il mio ben? [ sung text checked 1 time]

Language: Italian (Italiano)

Translation(s): FRE

List of language codes

Authorship


Go to the single-text view

Available translations, adaptations or excerpts, and transliterations (if applicable):

  • FRE French (Français) (Guy Laffaille) , "Hélas, où est mon bien-aimé ?", copyright © 2019, (re)printed on this website with kind permission


Prima parte
     Ohimè, dov'è il mio ben? Dov'è il mio core?
     Chi m'asconde il mio core: e chi me 'l toglie?

Seconda parte
     Dunque ha potuto sol desio d'honore
     Darmi fera cagion di tante doglie?

Terza parte
     Dunque ha potuto in me più che 'l mio amore
     Ambitiose, e troppo lievi voglie?

Quarta parte
     Ahi sciocco mondo, e cieco! ahi cruda sorte,
     Che ministro mi fai de la mia morte.


Submitted by John Versmoren

25. Se i languidi miei sguardi [ sung text checked 1 time]

Language: Italian (Italiano)

Translation(s): RUS

List of language codes

Authorship


Go to the single-text view

Available translations, adaptations or excerpts, and transliterations (if applicable):

  • RUS Russian (Русский) (Elena Kalinina) , "Eсли гоpестные мои взоры", copyright © 2016, (re)printed on this website with kind permission


Se i languidi miei sguardi,
se i sospiri interrotti,
se le tronche parole
non han sin or potuto,
o bell’idolo mio,
farvi delle mie fiamme intera fede,
leggete queste note,
credete a questa carta,
a questa carta in cui
sotto forma d’inchiostro il cor stillai.
Qui sotto scorgerete
quegl’interni pensieri
che con passi d’amore
scorron l’anima mia;
anzi, avvampar vedrete
come in sua propria sfera
nelle vostre bellezze il foco mio.

Non è già parte in voi
che con forza invisibile d’amore
tutto a sè non mi tragga:
altro già non son io
che di vostra beltà preda e trofeo.
A voi mi volgo, o chiome,
cari miei lacci d’oro:
deh, come mai potea scampar sicuro
se come lacci l’anima legaste,
come oro la compraste?
Voi, pur voi dunque siete
della mia libertà catena e prezzo.
Stami miei preziosi,
bionde fila divine,
con voi l’eterna Parca
sovra il fuso fatal mia vita torce.

Voi, voi capelli d’oro,
voi pur siete di lei,
ch’è tutta il foco mio, raggi e faville;
ma, se faville siete,
onde avvien che ad ogn’ora
contro l’uso del foco in giù scendete?
Ah che a voi per salir scender conviene,
ché la magion celeste ove aspirate,
o sfera de gli ardori, o paradiso,
è posta in quel bel viso.

Cara mia selva d’oro,
ricchissimi capelli,
in voi quel labirinto Amor intesse
onde uscir non saprà l’anima mia.
Tronchi pur morte i rami
del prezioso bosco
e da la fragil carne
scuota pur lo mio spirto,
che tra fronde sì belle, anco recise,
rimarrò prigioniero,
fatto gelida polve ed ombra ignuda.

Dolcissimi legami,
belle mie piogge d’oro
quali or sciolte cadete
da quelle ricche nubi
onde raccolte siete
e, cadendo, formate
preziose procelle
onde con onde d’or bagnando andate
scogli di latte e rivi d’alabastro,
more subitamente
(o miracolo eterno
d’amoroso desìo)
fra si belle tempeste arse il cor mio.

Ma già l’ora m’invita,
o degli affetti miei nunzia fedele,
cara carta amorosa,
che dalla penna ti divida omai;
vanne, e s’amor e’l cielo
cortese ti concede
che de’ begli occhi non t’accenda il raggio,
ricovra entro il bel seno:
chi sà che tu non gionga
da sì felice loco
per sentieri di neve a un cor di foco!


Submitted by Emily Ezust [Administrator]

26. Partenza amorosa [ sung text checked 1 time]

Language: Italian (Italiano)

Translation(s): ENG

List of language codes

Authorship


Go to the single-text view

Available translations, adaptations or excerpts, and transliterations (if applicable):

  • ENG English (Allen Shearer) , "Lover's parting", copyright © 2010, (re)printed on this website with kind permission


Se pur destina e vuole il cielo,
almo mio sole,
che in tenebre mi viva,
ascolta alma mia diva,
ciò che potrà ridire
fra cotanto martire
di sconsolato amante
lingua fredda e tremante.
O del cor luce e speme,
odi le voci estreme:
odile e dal bel seno
una lagrima almeno
bagni la viva neve.
Rimira ah, come lieve
per l'eterno cammino
s'affretta, e già vicino
splende l'infausto giorno
che dal bel ciglio adorno
mi condurrà lontano.
Deh con più lenta mano
sferza i destrieri ardenti,
Febo, se a' tuoi lamenti
trecce dorate e bionde
tornin l'amate fronde.
O pensier vani e fillo!
Che spero, ohimé, che volli
già dibattendo l'ale
giunge l'ora fatale
dell'aspra dipartita,
vita de la mia vita!
A te non dico addio
ché se l'alma e'l cor mio,
se lascio ogni mio bene
e con cara speme
resta ogni bel desìo,
a me vò dire addio:
a me, che triste e solo,
preda d'immortal duolo,
da me medesimo, lasso,
volgo partendo il passo.
Lumi, voi che vedeste
della beltà celeste,
allor ch'arsi e gelai,
splender sì vaghi i rai,
a voi, tremante e muto,
a voi dimando aiuto;
ridite, occhi, ridite
con lagrime infinite,
ridite innanzi a lei
gli affanni acerbi e rei,
ch'io non saprei ridire
di contanto martire
neppur minima parte:
solo dirò che parte
il più leale amante
che mai fermasse piante
nell'amoroso regno;
che di laccio il più degno
incatenato visse
di quanti unqua si ordisse
Amor per altra etade;
che per casta beltade
temprò sì bei lamenti
che'l mar, la terra e i venti
ne sospiraro, e'l cielo
di lagrimoso velo,
pietoso a' suoi sospiri,
sparse gli almi zaffiri;
e potrei dir ancora
ch'unqua non vide aurora
specchiarsi in mar sì bella
né l'amorosa stella
se non oscura e vile,
dopo l'ardor gentile
delle stellanti ciglia,
immollai meraviglia
in cui mirando, avolo
varco le nubi e il polo.
Ma deh, luci serene,
de le mie care pene
dolcissimo conforto,
chi scorgerammi in porto
per questo mar insano,
se da voi m'allontano?
Ahi che mia stanca nave
rimiro, e'l cor ne pave,
fra turbini e tempeste,
e del lume celeste
invan sospiro i rai,
stelle che tanto amai!
Ma qual timor mi punge?
Ove n'andrò si lunge
ch'io perda il dolce lume?
Qual monte mai, qual fiume,
qual mar farammi eclissi
che nel mio sol non fissi
il cor, l'alma e i pensieri,
se di quei raggi altieri
per entro il cor profondo
la luce e l'oror ascondo?
Partirà ben il piede:
Amor prestami fede:
per te, alma mia diva,
partirà sì ma schiva
de la gravosa salma
farà volando l'alma
- dolcissimo soggiorno -
ai suo bel ciel ritorno.


Submitted by Emily Ezust [Administrator]

27. Chiome d'oro [ sung text checked 1 time]

Language: Italian (Italiano)

Translation(s): FRE GER

List of language codes

Authorship

Go to the single-text view

Available translations, adaptations or excerpts, and transliterations (if applicable):

  • FRE French (Français) (Guy Laffaille) , "Chevelure d'or", copyright © 2019, (re)printed on this website with kind permission
  • GER German (Deutsch) (Bertram Kottmann) , "Goldenes Haar", copyright © 2019, (re)printed on this website with kind permission


Chiome d'oro,
Bel tesoro,
Tu mi leghi in mille modi
Se t'annodi,
Se ti snodi.

Candidette
Perle elette,
Se le rose che coprite
Discoprite,
mi ferite.

Vive stelle
Che sì belle
E sì vaghe risplendete,
Se ridete
M'ancidete.

Preziose,
Amorose,
Coralline labbra amate,
Se parlate
Mi beate.

O bel nodo
Per cui godo!
O soave uscir di vita!
O gradita
Mia ferita!


Submitted by John Versmoren

28. Amor che deggio far? [ sung text not yet checked against a primary source]

Language: Italian (Italiano)

Authorship


Go to the single-text view


Amor che deggio far
se non mi giova amar con pura fede?
Servir non vò così,
piangendo notte e dì per chi no'l crede!

E non si può veder
l'amoroso pensier da l'orecchio umano?
Dunque un fido amator
dovrà nel suo dolor languire in vano?

Intesi pur talor
che nella fronte il cor si porta scritto,
or, come a me non val
scoprir l'interno mal nel volto afflitto?

Ingiustissimo Re,
perché la vera fe' nota non fai?
Perché lasci perir
voci, sguardi e sospir, se 'l vedi e 'l sai?

O come sarìa pur
A mor dolce e sicur se'l cor s'aprisse!
Non soffrirebbe già
donna senza pietà ch'altrui morisse.

E dunque sotto il ciel
non v'è d'alam fedel segno verace?
Ahi fato, ahi pena, ahi duol!
Or credami chi vuol, ch'io mi dò pace.


Submitted by Emily Ezust [Administrator]

29. Tirsi e Clori [ sung text checked 1 time]

Language: Italian (Italiano)

Authorship

Go to the single-text view


Tirsi:
 Per monti e per valli,
 bellissima Clori,
 già corrono a balli
 le ninfe e' pastori.

 Già lieta e festosa
 ha tutto ingombrato
 la schiera amorosa
 il seno del prato.

Clori:

 Dolcissimo Tirsi,
 già vanno ad unirsi,
 già tiene legata
 l'amante l'amata.
 Già movon concorde
 il suono a le corde.
 Noi soli negletti
 qui stiamo soletti.

Tirsi:

 Su, Clori mio core,
 andianne a quel loco,
 ch'invitano al gioco
 le Grazie ed Amori

 Già  Tirsi distende
 la mano e ti prende,
 che teco sol vole
 menar le carole.

Clori:

 Si, Tirsi, mia vita,
 ch'a te solo unita
 vo girne danzando,
 vo girne cantando.

 Pastor, bench'è degno,
 non faccia disegno
 di mover le piante
 con Clori sua Amante

Clori e Tirsi:

 Già, Clori gentile,
 noi siam nella schiera.
 Con dolce maniera
 seguiam il lor stile.

 Balliamo ed intanto
 spieghiamo col canto,
 con dolci bei modi
 del ballo le lodi.

Solisti e Coro:

 Balliamo, ch'el gregge
 al suon de l'avena 
 che i passi corregge
 il ballo ne mena
 e ballamo e saltano snelli
 i capri e gli agnelli.

 Balliam che nel Cielo
 con lucido velo,
 al suon de le sfere
 or lente or leggiere
 con lumi e facelle
 su danzan le stelle.

 Balliamo che d'intorno
 nel torbido giorno,
 al suono de' venti
 le nubi correnti,
 se ben fosche e adre
 pur danzan leggiadre.

 Balliamo che l'onde
 al vento che spira
 le move, e l'aggira,
 le spinge e confonde
 si come lor siede;
 e movon il piede,
 e ballan le linfe
 quai garuli ninfe.

 Balliam che i vezzosi
 bei fior ruggiadosi,
 se l'aura li scuote
 con urti e con ruote,
 fan vaga sembianza
 anch'essi di danza.

 Balliamo e giriamo,
 corriamo e saltiamo,
 qual cosà è più degna
 il ballo c'insegna.


Submitted by Auditorium du Louvre

Gentle Reminder
This website began in 1995 as a personal project, and I have been working on it full-time without a salary since 2008. Our research has never had any government or institutional funding, so if you found the information here useful, please consider making a donation. Your gift is greatly appreciated.
     - Emily Ezust

Browse imslp.org (Petrucci Music Library) for Lieder or choral works