The LiederNet Archive
WARNING. Not all the material on this website is in the public domain.
It is illegal to copy and distribute our copyright-protected material without permission.
For more information, contact us at the following address:
licenses (AT) lieder (DOT) net

Sei Liriche

Word count: 761

Song Cycle by Franco Alfano (1876 - 1954)

Show the texts alone (bare mode).

1. Dormiveglia [ sung text checked 1 time]

Language: Italian (Italiano)

Authorship

Go to the single-text view


[Furono i sonni miei lunghi e soavi, 
quando Agosto indolente s'inchinava 
a mordere silenziosamente 
i frutti con la bocca piena di 
gomme e di sole. 

Io sentiva il mio sangue che fluiva 
dentro le vene più caldo e più torpido, 
ma nel mio sogno eran pensieri freschi 
come le linfe pei canali arborei 
insino al frutto che si gonfia e odora 
come i tuoi seni. 

Dormiveglia, chi mai non ti conobbe 
neir ombra fra il torpor dell' ore immobili, 
e sul tuo seno non s'abbandonò, 
quegli non seppe quant'è dolce andare 
verso la morte. 

Dormiveglia, chi ignora la penombra 
odorosa, e il color roseo del mondo 
attraverso la palpebra socchiusa, 
non troverà più l'anima fanciulla 
e stupita, che ognuno invano sogna 
e invan desia.]1

. . . Chi mi destò, chi mi destò nell' angolo 
remoto, chi chiamò senza parole 
ma con si lenta e lunga melodia 
il cuor dormente? 

Ecco, sei tu, sei tu, che scendi il colle, 
mentre su l'orlo della valle passano 
portati in grembo al caldo vento i nuvoli, 
e il giorno trascolora, e il cielo è pallido, 
e i lauri son più verdi nel pallore, 
e la luce del sol sembra palpabile, 
come la chioma sciolta in cui la mano 
trema, e s'oblia. 

Perchè il tuo fiato è si dolce, è si dolce? 
Parmi sentir l'odor del rosmarino 
fresco sotto la goccia di rugiada, 
quando la luna è tramontata, e il cielo 
sembra morire. 

[Odore hai tu delle radici fragili 
dentro le rocce, quando il sole è fervido, 
e le ginestre sulla costa bruciano, 
e non ricordan più quando eran cariche 
d'oro e di odore. 
Dafne, fu mai più dolce creatura 
di quella che si veste le tue carni 
ed ha i tuoi occhi glaudii e le tue labbra 
ove il miele è più denso che nel favo 
dell'alveare?]1

Non sentii mai più chiara melodia 
[com'è quella che t'esce dalla bocca]2
[mentre la gola palpita e mi pare 
la mossa tortuosa della polla, 
quando dal buio balza nella luce 
e par che tremi.]1

Tu dividi col canto il tempo immemore, 
ed ogni cosa s'anima del tuo 
canto, ed è un canto tutta la tua vita: 
anche l'amore. 

3Che farai quando il verno sarà torbido 
che farai quando i frutti son caduti, 
che farai quando morti sono i fiori 
sotto la brina? 

Non canterai, non canterai mai più. 

E la vita sarà come una tomba 
cui vanamente intorno i giorni scendono, 
[e i ricordi non son che aiuole morte, 
cui vigila il dolor nero e solingo 
dietro i cipressi.]1

E il mio cuor dormirà sotto le fronde, 
dimentico oramai degli usignoli, 
e delle calde notti senza luna, 
e del tuo fiato. 

Non canterai, non canterai mai più.


View original text (without footnotes)
1 omitted by Alfano
2 Alfano: "come quella che canta la tua bocca."
3 Alfano adds "Ma di'"

Submitted by Andrew Schneider [Guest Editor]

2. I tuoi occhi [ sung text checked 1 time]

Language: Italian (Italiano)

Authorship

Go to the single-text view


I tuoi occhi erano fissi negli occhi miei,
erano come chiodi nella mia carne
perché non potessi fuggire.
Mi sentivo smarrire,
sentivo aderire dolcemente alla terra i miei sensi.
Ma che c'era in quegli occhi?
Io non volli vedere.
Copersi il volto con un tessuto orientale
fatto di piume d'airone
e da un airone azzurro mi lasiai trasportare
lontano lontano con lui.
Soli su ali fantastiche
nel regno di fantastici sogni!


Submitted by Andrew Schneider [Guest Editor]

3. Al chiarore della mattina [ sung text checked 1 time]

Language: Italian (Italiano)

Authorship

Go to the single-text view


Al chiarore della mattina
due grandi occhi mi stavano a guardare.
Mi volevan spogliare,
ma da una selva ombrata
io sentivo cantare,
sentivo canti di tristezza,
i canti della giovinezza che passa 
e lascia solo il rimpianto.
Allora incontro gli corsi,
gli porsi le labbra,
gli porsi la mia bocca,
e in quella malia ombrosa
la vita sua, la mia vita volò
come un incanto di vento 
nato da un'occulta armonia!


Submitted by Andrew Schneider [Guest Editor]

4. Perché piangi? [ sung text not yet checked against a primary source]

Language: Italian (Italiano)

Authorship

Go to the single-text view


Perché piangi? Eppur non t'ho fatto soffrire!
Sei triste tanto tanto!
Io sento le lacrime tue fluire sul mio seno,
ancora, ed asciugarsi al mio cuor.
Forse volevi annegar l'amore nostro nel tuo pianto,
perché non muoia della sua stessa morte:
o non volevi forse darmi la rugiada del pianto tuo
perché io possa rifiorire l'incanto del tuo amor?
Perché piangi? Eppur non t'ho fatto soffrire!


Submitted by Andrew Schneider [Guest Editor]

5. Malinconia [ sung text not yet checked against a primary source]

Language: Italian (Italiano)

Authorship

Go to the single-text view


Non so perché ricordare il tuo nome
 [ ... ]


This text may be protected by copyright under Canadian copyright law, so we will not display it until we obtain permission to do so or discover it is public-domain.

6. Non partire, amor mio [ sung text checked 1 time]

Language: Italian (Italiano) after the English

Authorship


Based on
  • a text in English by Rabindranath Tagore (1861 - 1941), no title, appears in The Gardener, no. 34, first published 1913 ENG GER RUS RUS SPA
      • This text was set to music by the following composer(s): Karim Adam Al-Zand, John Craig Cooper, Richard Hageman, Arthur Koerner, Bertha Frensel Wegener-Koopman. Go to the text.

Based on

See other settings of this text.


Non partire, amor mio, senza avvertirmi.
Ho vegliato tutta la notte,
e ora i miei occhi son pesanti di sonno.
Ho timore di perderti mentre dormo.
Non partire, amore mio, senza avvertirmi.
Mi desto e tendo le mani per toccarti.
Mi domando: è un sogno?
Oh, potessi stringere i tuoi piedi col mio cuore
e tenerli saldi al mio petto!
Non partire, amor mio, senza avvertirmi.


Submitted by Ferdinando Albeggiani

Gentle Reminder
This website began in 1995 as a personal project, and I have been working on it full-time without a salary since 2008. Our research has never had any government or institutional funding, so if you found the information here useful, please consider making a donation. Your gift is greatly appreciated.
     - Emily Ezust

Browse imslp.org (Petrucci Music Library) for Lieder or choral works