You can help us modernize! The present website has been online for a very long time and we want to bring it up to date. As of April 20, we are $4,600 away from our goal of $15,000 to fund the project. The fully redesigned site will be better for mobile, easier to read and navigate, and ready for the next decade. Please give today and join dozens of other supporters in making this important renovation possible!

The LiederNet Archive
WARNING. Not all the material on this website is in the public domain.
It is illegal to copy and distribute our copyright-protected material without permission.
For more information, contact us at the following address:
licenses (AT) lieder (DOT) net

Lamento d'Olimpia

Language: Italian (Italiano)

Voglio, voglio morire.
Van'è'l conforto tuo, van'ogni aita
Il martir con la vita
Vedrai così finire.
Voglio, voglio morire.

O Bireno, Bireno,
Ahì non poss'io dirti Bireno mio
Se per non esser mio
Le vele sciogli
E ti parti spietato e mi ti togli.
Torna, torna, O Bireno!
Ahì ch'io mi vengo meno.
Troppo guerra crudel mi fanno al core;
Tema, sdegno, stupor,
Doglia e amore.
Dove volgerò i passi?
Puoi tu dunque lasciarmi
Qui tra remote balz'e alpestri sassi
Ove habbian l'empie fere a divorarmi?
Per te perdei'l fratello,
E i genitori, perdei lo stato e volli
La tua vita comprar con la mia morte.
O mia misera sorte,
O caso acerbo!
Del Regno alto e superbo
Io potei pur di Frisa essere Regina;
O per te lo spregiai, per te ch'in pene
Sola mi lasci
In queste nude arene!
O Bireno, Bireno, deh che non miri
E che non m'odi almeno
L'abbandonata Olimpia, O se vedessi
Quanto mesta e dogliosa,
Pallida e lagrimosa.
O Bireno s'udissi ohimè, s'udissi
Il pianto, e i gravi mei, qui torneresti,
Torneresti cred'io,
E a l'aura dei sospir'tu solcheresti
Il mar del pianto mio.
Ma sen portano i venti
Lunghe l'huomo spietato, e i miei lamenti,
Et ei volge la prora
Mentre che pur mi lasci in duri affanni,
Dove perfido ancora
Fors'altra donna semplicetta inganni.

Anzi che non amarmi,
Anzi che mai lasciarmi
Che si sarìa veduto ahimè giurassi
Far s'immobil il ciel e'l sol oscura.
Ahì perfido, ahi spergiuro
E pur si movi il ciel e splend'l sole,
E non m'ami e mi fuggi,
E mi lasci e mi struggi.
Ahì, ben per me più non s'aggira il cielo
E per me sempre sia
Coperto il sol die tenebroso velo.
Così Bireno mio,
Così tu mi riponi
Nella mia reggia. O Dio,
Così tu mi riponi
Degl'avi miei nell'onorata sede!
O fede, o pura fede,
O fè per me schermita,
Olimpia, lusingata
E al fin tradita
E qui da te lasciata,
In miseria cadere,
Perche sia cibo al fin d'orride fere.

Ma perché, o ciel, invendicato lasc'il
Tradimento indegno?
E tu del vasto e procelloso regno
Superbo domator, che no'l sommergi,
Eolo che non commove, i venti alteri,
Perchè non li sprigioni
Si che s'affond'entr'al vorace seno
Il disleal e a me crudo Bireno?
Ohimè, ma troppo spargo dure querele,
Deh ritornate a me voci serene.
Bireno, o mio Bireno,
In virtute d'amor se non il duolo
Le mie giust'ire affreno.
Perdona, ohimè, perdona,
Perch'altro il cor, altro la lingua suona.


Submitted by Emily Ezust [Administrator]

Authorship

Musical settings (art songs, Lieder, mélodies, (etc.), choral pieces, and other vocal works set to this text), listed by composer (not necessarily exhaustive)


Text added to the website: 2003-09-29T00:00:00.
Last modified: 2014-06-16T10:01:18
Line count: 83
Word count: 420

Gentle Reminder
This website began in 1995 as a personal project, and I have been working on it full-time without a salary since 2008. Our research has never had any government or institutional funding, so if you found the information here useful, please consider making a donation. Your gift is greatly appreciated.
     - Emily Ezust

Browse imslp.org (Petrucci Music Library) for Lieder or choral works