Due Canti

by Alfredo Casella (1883 - 1947)

Word count: 162

1. Pianto antico [sung text checked 1 time]

L'albero a cui tendevi
la pargoletta mano,
il verde melograno
da' bei vermigli fior,
nel muto orto solingo
rinverdi tutto or ora,
e giugno lo ristora
di luce e di calor.
Tu, fior della mia pianta
percossa e inaridita,
tu dell' inutil vita
estremo unico fior,
sei nella terra fredda,
sei nella terra nera
né il sol più ti rallegra
né ti risveglia amor.

Authorship

Researcher for this text: Malcolm Wren [Guest Editor]

2. Il bove [sung text checked 1 time]

T'amo, o pio bove;
e mite un sentimento
di vigore e di pace al cor m'infondi,
o che solenne come un monumento
tu guardi i campi liberi e fecondi,
o che al giogo inchinandoti contento
l'agil opra de l'uom grave secondi:
ei t'escorta e ti punge, e tu co 'l lento
giro de' pazienti occhi rispondi.
Da la larga narice umida e nera
fuma il tuo spirto,
e come un inno lieto
il mugghio nel sereno aer si perde.
E del grave occhio glauco
entro l'austera dolcezza
si rispecchia ampio e quieto
il divino del pian silenzio verde.

Authorship

Researcher for this text: Malcolm Wren [Guest Editor]