Giardinetto di ricreatione

Song Cycle by Francesco Ugoni da Maleo (c1570 - c1630)

Word count: 907

1. Se pur non ti contenti ch'io ami te[sung text checked 1 time]

Se pur non ti contenti ch'io ami te
Si com' Amor m'invita
Donna, non mi consenti per giusto almen,
Ch' io ami la mia vita.
Se ciò consenti, ancor consentir déi 
Ch' io ami te, che la mia vita sei.

Authorship

Researcher for this text: Mario Giuseppe Genesi

2. Arde il cor e la lingua agghiaccia[sung text checked 1 time]

Arde il cor e la lingua agghiaccia
Ond'io chieder non poss' aita
A voi, dolce mia vita.
Amor, spiegale tu l'incendio mio
Ch' ella mossa a pietà d'un tant' ardore
D' un bacio sanerà la ling'e 'l core.

Authorship

Researcher for this text: Mario Giuseppe Genesi

3. Io son' Amore[sung text checked 1 time]

Io son' Amore
Pieno d'ardore
Con strali e l'arco
Di lacci carco,
Ch' a ogni anima vivente
In foco ardente
Martir li dò
Et invisibil vò.

Authorship

Researcher for this text: Mario Giuseppe Genesi

4. Donna fugace e lieve[sung text checked 1 time]

Donna fugace e lieve
C'ha 'l cor di ghiaccio e neve
Al corso all'hor m'invita
Che più 'l posar m'aita.
E sì veloce i passi in terra stende,
Che qualì aur ' a me ria si mostr' e rende.

Authorship

Researcher for this text: Mario Giuseppe Genesi

5. La mia fiamma d'Amore[sung text checked 1 time]

La mia fiamma d'Amore
Ch' a mill' alme dà foco
Fiammeggiando, di me si prende gioco.
E con gl' occhi lucenti
M' incenerisce il core.
O fiammelle possenti
C'han forza d'abbrugiar la nev' e 'l ghiaccio
E far che 'n lor io 'ncenerisc' e 'nghiaccio.

Authorship

Researcher for this text: Mario Giuseppe Genesi

6. Tu ch'a mill' altre furi e gl' ardori[sung text checked 1 time]

Tu ch'a mill' altre furi e gl' ardori
Le belleze de' più felici amori
Godi, ch 'io pera, 'ncenerisc ' e moia
Per compir la tua gioia.
Ah', che siè,poi, crudele
Se questo tuo fedele
Morrà con lui tutti i suoi pregi
E perderai con esso anch' i tuoi fregi.

Authorship

Researcher for this text: Mario Giuseppe Genesi

7. Per non languir tacendo[sung text checked 1 time]

Per non languir tacendo,
Scoprirò, Clara, 'l foco
Che tormenta 'l mio cor' in ogni loco.
Dirò, come gemendo:
"Vivo, sospiro, impalidisc', aggiaccio,
Chè piangendo mi sfaccio."
E spiegherò che nasce il mio dolore
Per' hai nel sen di viva pietra 'l core.

Authorship

Researcher for this text: Mario Giuseppe Genesi

8. Partirò, Clara, in breve[sung text checked 1 time]

Partirò, Clara, in breve
E 'n pegno del leal, candid' amore
Nel caro sen di neve
Prigion rimarr' a 'l core.
All 'hor, Clara gradita,
Co 'l mio partir dipartirà la vita.
Te lascierò per la partita amara,
Ma non lascierà ìl cor forma sì cara.
Ahi! Perchè parto, ohimè?
Chi mi conduce lontano
Dai tesori almi e celesti
De' tuoi costumi honesti?
Senza l'amata luce
Di quei begl' occhi ardenti,
Come vivran' i miei spirti dolenti?
Ahi: ch'ogni passo mi divien ferita
E nel mio dipartir, fuge la vita.

Authorship

Researcher for this text: Mario Giuseppe Genesi

9. Sospir volanti, che sete amanti[sung text checked 1 time]

Sospir volanti, che sete amanti
V' ha fatt' Amore, fiumi del core.

O leggiadretti, Amorosetti,
Zeffiri allati, sete spezzati.

Clar'è colei, ch 'i desir miei
Schern' e deride e ancor m' uccide.

Ma sospirate, fin che voi fate
Sì vago scoglio, voto d'orgoglio.

Lingue o sospiri, de miei martiri, 
Voci dogliose, non state ascose:

Uscite, uscite! Le pene aprite!
Cercate, oprate, per me pietate!

Authorship

Researcher for this text: Mario Giuseppe Genesi

10. Mentre vago fanciullo[sung text checked 1 time]

Mentre vago fanciullo
Nel bianco sen posava
De la bella giolìa
D'Amore nemic' è mia.
Lei da le labbra e occhi
Baci e guardi mandava
In sì contraria sorte
Che, ìl guardo vita, e 'l bacio era a me morte.

Authorship

Researcher for this text: Mario Giuseppe Genesi

11. Hor, ch' Amor sua fierezza[sung text checked 1 time]

Hor, ch' Amor sua fierezza
Ha cangiato in clemenza,
Chi per sperar mercede
Del suo servir mai più ritrarà 'l piede,
Dal suo laccio soave?
I'no, ch' anci 'l desio più saldo e grave.

Authorship

Researcher for this text: Mario Giuseppe Genesi

12. Noi siam Ninfe, siam Pastori[sung text checked 1 time]

Noi siam Ninfe, siam Pastori
Lieti amanti fortunati:
Son graditi i nostri amori,
Poi ch'amando siam ' amati.
E ciascun più che può spesso
Gode il ben che gli è concesso.

Authorship

Researcher for this text: Mario Giuseppe Genesi

13. Riso da labbri uscio[sung text checked 1 time]

Riso da labbri uscio
Di rudin, di corali,
Tra perle orientali
Fuor de la bocca del bel idol mio
Che con mute parole:
"Parto!" - disse 'l mio sole,
"E'n questa mia partita
Resta l'alma ferita ".
E teco resta 'l core:
Ah!  Se vivrò, miracol sia d' amore!

E 'n quel suo vago riso
Che m'ha 'l cor sol conquiso
Folgorò da begl'occhi un dolce sguardo
Ch' allor, mi diss': "Io ardo!"
E al lampeggiar nel sen la fiamma
L' alma diè al vincitor la palma.
E 'n lei tosto che vinse,
Il cor se ne volò e seco si strinse.

Authorship

Researcher for this text: Mario Giuseppe Genesi

14. Se nel partir da voi, caro mio bene[sung text checked 1 time]

Se nel partir da voi, caro mio bene,
Provo tormento e pene,
Nel felice ritorno
Gioirò mille volte il giorno!.

Authorship

Researcher for this text: Mario Giuseppe Genesi

15. La bella man vi stringo[sung text checked 1 time]

La bella man vi stringo
E voi le ciglia per dolor stringete
E mi chiamate ingiusto, et inhumano,
Come tutto il gioire
Sia mio, costro il martire [e non vedete]1
Che se questa è la mano
Che tien stretto il cor mio, giusto è il dolore
Perchè stringendo lei stringo il mio core.

Authorship

See other settings of this text.

View original text (without footnotes)
1 Caccini: "e voi non v'accorgete"

Researcher for this text: John Versmoren

16. Dammi la man, O mia vezzosa Filli[sung text checked 1 time]

Dammi la man, O mia vezzosa Filli,
Mentre fra queste frond' e lieti fiori,
Scherziam ì insieme a ' i pargoletti amori.

Authorship

Researcher for this text: Mario Giuseppe Genesi

17. Cor mio che pensi fare?[sung text checked 1 time]

Cor mio che pensi fare?
Vuoi tu sempre penare?
Se quest' ingrata non ti vuol più seco,
Che fai?  Ché non ritorni a starti meco?

Authorship

Researcher for this text: Mario Giuseppe Genesi

18. Rubello dei diletti e degli amori[sung text checked 1 time]

Rubello dei diletti e degli amori,
Longe fugisti l'amorosa pace
Troppo amico d' Apollo a la face
M'ardesti,poi, de' faticosi ardori.
Ah' che'l nume gentil de' nostri cori
Non più sdegnato si compiace
Che tu dal suo bel regn' il piè fugace
Rigido mova a' ncominciat' honori.
Però, si come dopo tant'imprese,
Ond'hebbe stuolo de' nemici ucciso,
Soggett' Alcide a la sua forza rese:
Così te coglie, al laccio d'un bel viso
Felice reo, se per cotante offese
T' è dato sol per pen' un dolce riso.

Authorship

Researcher for this text: Mario Giuseppe Genesi

19. Dimi, Amor, sono stelle[sung text checked 1 time]

Dimi, Amor, sono stelle
O soli gl'occhi ond'io
Pasco dei cari sguardi 'l bel desìo?
Esser stelle non puono,
S' ardon le stelle quanto ha forza il sole.
Ma se stelle non son luci sì belle
Che risplendon' il giorno
Saran due soli del tuo viso adorno.
O stelle!  O soli siate!
Dolc' influssi, amorosi occhi mi date!

Authorship

Researcher for this text: Mario Giuseppe Genesi