by Anonymous / Unidentified Author

La fata d'Amalfi
Language: Italian - Neapolitan (dialect) 
Chiagnarrò la mia sventura 
Si non tuorne chiù, Rosella!
Tu d'Amalfi la chiù bella 
Tu na Fata sì per me!
Viene viè, regina mia;
Viene curre a chisto core
Ca non c'è non c'è no sciore,
Non c'è stella comm'a te!

Co chi parlo? ahi sconsolato!
Addò sta la rosa mia?
S'è sfrunnata pe la via,
E chiù addore non me dà!
No signore la vedette,
So tre mise ch'è scappata;
Ma co tutto ch'è na sgrata
Non la pozzo io maie scordà!
 
La matina che pe tiempo
Vaco a Napole mbarchetta,
Pare tanno che m'aspetta
E la mano me vo dà!
Quanno po lo cielo scura,
Ed io vaco pe piscare,
Miezo a l'onne de lo mare
Veco pure che sta là!

E turnanno a la capanna,
La saluto a lo barcone,
E la solita canzone
Vaco tanno pe cantà:
Viene vie, tu sì una stella,
Tu d'Amalfi sì la Fata.
Ma la rosa s'è sfrunnata,
Ed io l'aggio da scordà!

Authorship:

Musical settings (art songs, Lieder, mélodies, (etc.), choral pieces, and other vocal works set to this text), listed by composer (not necessarily exhaustive):


Researcher for this text: Emily Ezust [Administrator]

This text was added to the website: 2014-05-26
Line count: 32
Word count: 162