by Ruggiero Leoncavallo (1857 - 1919)

È un riso gentile
Language: Italian (Italiano) 
È un riso gentile    
qual alba d'aprile
che inebria e conquide le fibre del cuor!
È un brivido arcano
se porge la mano,
e baldi si destano i sogni d'amor!
Soavi misteri
han gli occhi severi
e par che dischiudan del cielo il confin;
e l'anima oblìa
per dolce malìa:
al suon di sua voce, la vita, il destin!
Pur belle cotanto
ci passano accanto,
ma è lei che il destino ci impone adorar!
Chi folle d'amore
la strinse sul cuore
a lei sempre vinto dovrà ritornar!
È l'ebbro vicino
al nappo di vino.
Se fugge lontano resister potrà.
Se il nappo egli tocca,
se il porta alla bocca,
sin l'ultima goccia del nappo berrà!

Authorship:

Musical settings (art songs, Lieder, mélodies, (etc.), choral pieces, and other vocal works set to this text), listed by composer (not necessarily exhaustive):


Researcher for this text: Andrew Schneider [Guest Editor]

This text was added to the website: 2018-05-31
Line count: 24
Word count: 115