by Giuseppe Palomba (flourished 1769-1825)

Co sta grazia, e sta portata
Language: Italian - Neapolitan (dialect) 
Co sta grazia, e sta portata,  
co sto cuorpo curto, e tunno
te stordesco miezo munno,
te guarnesco na città.

(al lacchè)
Tommasì? Mo che passeo
vi si penno da qua lato
vi si il passo è misurato,
vi si marcio alla fransé.

(passeggia sulla musica)
Un eroe come songh'io
nella storia non nce sta.
E mo, ch'esce la gazzetta,
a cercareme Lisetta
oh! che folla ha da venì
e io a tutte dico sì.
Dico buono, Tommasì?

(il servo accenna di no)
Venarrà no franzesotto
dona a muò madamosella.
Pigliatella,
mo va buono, Tommasì.

(il servo accenna di no)
Venarà no spagnolicco
chiero a osté la gnigna bella.
Pigliatella,
mo te piace, Tommasì.
Venarà no calavrese
la vuoghio la quatranella.
Pigliatella,
e ncalabria la faccio j.
Aje che di me, Tommasì?
Forsi no? E sa che nt'è?
Fuss'acciso Tommasì.
Il concorso s'è già apierto,
correranno a centinara
Franchi, Russi, Inglesi, Ispani,
Italiani, oltramontani,
e, a tenor di questo invito
chi na mano, chi no dito,
chi na recchia ne vorrà;
ed allor per dover mio
a quaccuno l'ho da dà
ca n'eroe comme songh'io
nella storia nun ce sta.

Authorship

Musical settings (art songs, Lieder, mélodies, (etc.), choral pieces, and other vocal works set to this text), listed by composer (not necessarily exhaustive)


Researcher for this text: Andrew Schneider [Guest Editor]

This text was added to the website: 2018-06-03
Line count: 45
Word count: 190