La gazzetta

Opera by Gioacchino Antonio Rossini (1792 - 1868)

Word count: 611

2. Co sta grazia, e sta portata [sung text checked 1 time]

Co sta grazia, e sta portata,  
co sto cuorpo curto, e tunno
te stordesco miezo munno,
te guarnesco na città.

(al lacchè)
Tommasì? Mo che passeo
vi si penno da qua lato
vi si il passo è misurato,
vi si marcio alla fransé.

(passeggia sulla musica)
Un eroe come songh'io
nella storia non nce sta.
E mo, ch'esce la gazzetta,
a cercareme Lisetta
oh! che folla ha da venì
e io a tutte dico sì.
Dico buono, Tommasì?

(il servo accenna di no)
Venarrà no franzesotto
dona a muò madamosella.
Pigliatella,
mo va buono, Tommasì.

(il servo accenna di no)
Venarà no spagnolicco
chiero a osté la gnigna bella.
Pigliatella,
mo te piace, Tommasì.
Venarà no calavrese
la vuoghio la quatranella.
Pigliatella,
e ncalabria la faccio j.
Aje che di me, Tommasì?
Forsi no? E sa che nt'è?
Fuss'acciso Tommasì.
Il concorso s'è già apierto,
correranno a centinara
Franchi, Russi, Inglesi, Ispani,
Italiani, oltramontani,
e, a tenor di questo invito
chi na mano, chi no dito,
chi na recchia ne vorrà;
ed allor per dover mio
a quaccuno l'ho da dà
ca n'eroe comme songh'io
nella storia nun ce sta.

Authorship

Researcher for this text: Andrew Schneider [Guest Editor]

4. Presto, dico [sung text checked 1 time]

Presto, dico,  
avanti, avanti,
che vo' tutto
ormai comprar.
Le galanti
più brillanti
voglio io sempre
superar.
Sì, son volubile,
son capricciosa,
le mode nobili
solo mi piacciono,
vo' sempre spendere
per ben goder.
Viva l'amore,
viva il bel tempo,
viva la moda,
viva il piacer.

Authorship

Researcher for this text: Andrew Schneider [Guest Editor]

6. Ah, se spiegar potessi [sung text checked 1 time]

Ah, se spiegar potessi  
a voi gli affetti miei,
indegna non sarei
di tenera pietà.
Sappiate... ma che dico!
Io son... ma non mi lice;
spero che un dì felice
il ciel mi renderà.

Authorship

Researcher for this text: Andrew Schneider [Guest Editor]

9. Sempre in amore [sung text checked 1 time]

Sempre in amore  
sono io così
e un cicisbeo
m'offre il suo cuore
io mai non faccio
la svogliatina,
ma co' la grazia
che ci cammina
l'accetto subito,
gli dico sì.
Pria l'alterigia
di donna bella
era dagl'uomini
tanto apprezzata;
ma adesso, credimi,
non è più quella,
la nostra regola
presto fallì.

Authorship

Researcher for this text: Andrew Schneider [Guest Editor]

11. O lusinghiero amor [sung text checked 1 time]

Chi creder mai poteva  
che dolce, e caro un mio nascente amore
cagionar mi dovea sì gran dolore?
In quanti rei pensieri
sta confuso il mio cor! Freme, s'aggira,
smania, sbalza, delira, e in un momento
da mille furie tormentar mi sento!
Barbaro amore, ah tu lo stral dorato
vibrasti in me per darmi con inganni
brevissimo contento e lunghi affanni.
 	
O lusinghiero amor,  
se il caro ben m'involi
da me che più pretendi,
che sempre più m'accendi
co' le tue fiamme il cor?
O lusinghiero amor,
se sordo ai miei lamenti
già ti mostrasti appieno,
toglimi omai dal seno
un sì ostinato ardor.
Tra cento furie, e cento
palpita l'alma mia,
ma più mi dà tormento
la fiera gelosia,
che il cor sta a lacerarmi
con barbaro furor.
Ma voce tenera
nel cor mi dice
che avrò per premio
quel dì felice
che calma, e giubilo
darà al mio cor.

Authorship

Researcher for this text: Andrew Schneider [Guest Editor]

14. Quando la fama altera [sung text checked 1 time]

Quando la fama altera,  
con tromba ben sonora,
pei regni dell'aurora
a pubblicarlo andrà,
affé che più d'un principe,
insin nel suolo ausonio
a riverir Pomponio
sollecito verrà.
E questi chi saranno
Filippo or vi dirà.
Dal Pekin l'Ohang tessè,
dalla Persia il gran Sofì,
dall'Egitto il Califè,
il Mogollo dal Chilì.
E da Libia verran poi
coi lor baffi i primi eroi,
di Marocco Alzul Balà,
Alì dal Baldugerì,
di Guinea Micazirà,
e di Tripoli il Beì;
tutto un tal cerimoniale
stamperassi nel giornale,
e dal giù sino alle sfere
don Pomponio sbalzerà.
(Ma, con poco suo piacere,
or burlato resterà.)

Authorship

Researcher for this text: Andrew Schneider [Guest Editor]

15. Amor la danza mova [sung text checked 1 time]

Amor la danza mova,  
presieda ai suoni Amor,
solo piacer ritrova
quando è commosso il cor.
Se in mezzo ai suoni, e ai canti
il cieco nume appar,
son cieche ancor le amanti,
si lasciano [piegar]1.

Authorship

View original text (without footnotes)
1 Rossini (1816 setting): "predar"

Researcher for this text: Andrew Schneider [Guest Editor]