by Giuseppe Palomba (flourished 1769-1825)

Chi creder mai poteva
Language: Italian (Italiano) 
Chi creder mai poteva  
che dolce, e caro un mio nascente amore
cagionar mi dovea sì gran dolore?
In quanti rei pensieri
sta confuso il mio cor! Freme, s'aggira,
smania, sbalza, delira, e in un momento
da mille furie tormentar mi sento!
Barbaro amore, ah tu lo stral dorato
vibrasti in me per darmi con inganni
brevissimo contento e lunghi affanni.
 	
O lusinghiero amor,  
se il caro ben m'involi
da me che più pretendi,
che sempre più m'accendi
co' le tue fiamme il cor?
O lusinghiero amor,
se sordo ai miei lamenti
già ti mostrasti appieno,
toglimi omai dal seno
un sì ostinato ardor.
Tra cento furie, e cento
palpita l'alma mia,
ma più mi dà tormento
la fiera gelosia,
che il cor sta a lacerarmi
con barbaro furor.
Ma voce tenera
nel cor mi dice
che avrò per premio
quel dì felice
che calma, e giubilo
darà al mio cor.

About the headline (FAQ)

Authorship

Musical settings (art songs, Lieder, mélodies, (etc.), choral pieces, and other vocal works set to this text), listed by composer (not necessarily exhaustive)


Researcher for this text: Andrew Schneider [Guest Editor]

This text was added to the website: 2018-06-03
Line count: 32
Word count: 151