by Felice Romani (1788 - 1865)

Dunque addio, mio caro Amore!
Language: Italian (Italiano) 
Dunque addio, mio caro Amore!
Un amplesso... e poscia addio!
Non v'ha pena, non dolore
Pel tuo core pel cor mio,
Che pareggi il rio martire
Di dover così partire,
   Caro Amore !
Di dover cosi partir.

Oh! se Iddio ci avesse dato
Un dì solo, un dì ridente,
Noi potremmo nel passato
Consolarci del presente,
Trovar forza per soffrire
Nel terribile avvenire,
  Caro Amore!
Nel terribile avvenir.

Ma di gioia un raggio puro
Non brillò per noi giammai;
Un vapore, un velo oscuro
Ne turbò mai sempre i rai:
Il piacere fu un baleno
Che si spegne all'ombra in seno,
   Caro Amore !
Che si spegne all'ombra in sen.

Pur non mai, non mai mi volsi
Contro il barbaro destino:
Di penar non mai mi dolsi,
Chè penavi a me vicino.
Fra due cor diviso almeno
Il martír si sente meno.
   Caro Amore !
Il martir si sente men.

Or ch'io sono a te rapita,
Or che tolto a me tu sei,
Colle spine di mia vita
Gli altrui fior non cambierei.
Se a gioir è solo un cuore,
Quel gioir si fa dolore,
   Caro Amore!
Quel gioir si fa dolor.

Dunque addio!... La nostra speme
Nacque in mezzo alla sventura,
Qual d'autunno all'ore estreme
Nasce il sole in nebbia oscura ;
E sen muor senza vigore,
Come il Sol che in nebbia muore,
   Caro Amore !
Come il Sol che in nebbia muor.

About the headline (FAQ)

Authorship

Musical settings (art songs, Lieder, mélodies, (etc.), choral pieces, and other vocal works set to this text), listed by composer (not necessarily exhaustive)


Researcher for this text: Emily Ezust [Administrator]

This text was added to the website: 2008-05-02
Line count: 48
Word count: 235