by Giulio Strozzi (1583 - 1660)

Vecchio amante che rende la piazza
Language: Italian (Italiano) 
Available translation(s): FRE
Io cedo Amor io cedo
all'ingurie de gl'anni
congiurate a miei danni
l'armi del tempo io vedo
io cedo amor lo cedo

Acciò la resa mia
senza gloria non sia
pria ch'estinto io mi veggia
Amor per me patteggia

La rocca del mio core
tutte ha perdute homai
le diffese di fuore
A i balconi del volto
l'uso del lume e tolto

Di mia bocca son state
le macchine atterrate
ogni duro si scuote
e per la breccia di rugose gote
l'ultimo assalto apparecchiato io vedo
io cedo Amor io cedo
pria ch'estinto io mi veggia
Amor per me patteggia

Il miccio del desire
voglio primieramente
resti acceso all'uscire
la speme porti almeno
poco bagaglio in seno

Al mio coraggio tocca
sortir con palla in bocca
e portar di ragione
vuol la memoria vn picciolo cannone
che la memoria sol meco mi vedo
io cedo Amor io cedo
pria ch'estinto io mi veggia
Amor per me patteggia

ancor sara dovere
marchiar in ordinanza
e spiegate bandiere
per dovunque si passa
trombeggiar batter cassa
ove condurmi io voglio
c'h'abbia un fido convoglio
parla chiaro e che basti
che non sorghino in fin nuovi contrasti
perch'il nemico cavilloso io vedo

io cedo Amor io cedo
all'ingurie de gl'anni
congiurate a miei danni
l'armi del tempo io vedo
io cedo amor io cedo.

Authorship

Musical settings (art songs, Lieder, mélodies, (etc.), choral pieces, and other vocal works set to this text), listed by composer (not necessarily exhaustive)

Available translations, adaptations or excerpts, and transliterations (if applicable):

  • FRE French (Français) (Guy Laffaille) , title 1: "Le vieil amant qui cède la place", copyright © 2017, (re)printed on this website with kind permission


Researcher for this text: Guy Laffaille [Guest Editor]

This text was added to the website: 2009-02-27
Line count: 50
Word count: 220