by Anonymous / Unidentified Author

Ode
Language: Italian (Italiano) 
Deh, si piacevoli 
No, non spirate, 
Soave zeffiri, 
D‘intorno a me. 

Le voci lugubri, 
I tetri accenti, 
I mesti cantici 
Sol fan per me. 

Troppo del cielo amica! oh come presto 
Da noi sparisti, sospirata invan 
E invano pianta, dolce Marianna! 
E rapirla potesti? Destino crudel! 
Ah no! Che dico?
Umile il cenno adoro
Ma nel pensar, di quanti pregi, 
E quanti fosti dotata,
Quante quel tuo bel cor virtudi accolse,
Troppo non fo, se del destin mi lagno.
Sol scema il mio dolore
Il ripensar, che godi, alma beata!
L‘immortal corona; ne dubitar 
Degg‘io che non so ben, se fossi 
Tu di virtù, se tua virtù l’imago; 
O tu del ciel, o lui di te più vago. 

Fra le beate
Alme felici
Eterna pace 
Godendo ognor; 
Deh ti sovvieni! 
Che nostra fosti, 
Che vivrai sempre 
Ne‘ nostri cor. 

Authorship

Musical settings (art songs, Lieder, mélodies, (etc.), choral pieces, and other vocal works set to this text), listed by composer (not necessarily exhaustive)


Researcher for this text: Malcolm Wren [Guest Editor]

This text was added to the website: 2020-09-04
Line count: 32
Word count: 139