by Jacopone da Todi (1230 - 1306)

Canto di natale
Language: Italian (Italiano) 
O novo canto
ch' hai morto el pianto
de l'omo anfermato!

Sopra el "fa" acuto
me pare en paruto
che 'l canto se pona;
e nel "fa" grave
descende suave
che 'l Verbo resona.
Cotal desciso
non fu ancor viso
sì ben concordato.

Li cantatori
iubilatori
che tengo lo coro,
so' l'angeli santi
che fanno li canti
al deversoro,
denante 'l fantino,
che 'l verbo divino
ce veio encarnato.

Audito è un canto:
"Gloria en alto
a l'altissimo Dio;
e pace en terra,
ch' è strutta la guerra
ed onne rio;
onne laudate
e benedicte
Cristo adorato!"

En carta ainina
la nota divina
veio ch'è scritta,
là 'v'è 'l nostro canto
ritto e renfranto
a chi ben ci affitta.
E Deo É lo scrivano
ch' ha operta la mano,
che 'l canto ha ensegnato.

Loco ce canta,
chi ben se n'ammanta
de fede formata,
Divinetate
eu sua maiestate
ce vede ancarnata.
Onne esce speranza
che dà baldanza
al cor ch'è levato.

Canto d'amore
ce trova dottore
chi ce sa entrare.
Con Deo se conforma
e prende la norma
del bel disiare.
Co'serafino
deventa divino
d'amor enfiammato.

El primo notturno
è dato a lo sturno
de' Martirizati:
Stefano é 'l primo
che canta sollimo
con soi accompagnati,
ch'ò posto la vita
en Cristo l'ò ensita
ch'é fior di granato.

El seconno sequente
è dato a la gente
dei Confessroi;
Lo Vangelista
la lengua ci ha mista
ch'adorna li cori;
ché null'om con canto
volò tanto ad alto
sì ben consonato.

El terzo sequente
a li Innocente
par che se dia,
che col Garzone
ad onne stascione
so' en sua compagnia,
"Te Deo laudamo,
con voce cantamo,
chè Cristo oggi è nato!"

O peccatori
ch'ai mal segnori
avete servito,
venite a cantare
che Deo pò om' trovare,
che'n' terra è apparito
en forma de garzone,
e tello en prescione
chi l'ha desiato.

Omini errati,
che sete vocati
a penetenza,
la quale onne errore
ve tolle dal core
e dà entellegenza
de veretate
per pietate
a chi è umiliato;

Omini iusti,
che sete endusti,
venite a cantare,
ché sete envitati,
da Deo vocati
a gloriare
a Renno Celesto,
che compie onne festo
che 'l core ha bramato.

Authorship

Musical settings (art songs, Lieder, mélodies, (etc.), choral pieces, and other vocal works set to this text), listed by composer (not necessarily exhaustive)


Researcher for this text: Emily Ezust [Administrator]

This text was added to the website: 2009-12-01
Line count: 111
Word count: 364