by Anonymous / Unidentified Author

Diversi linguaggi
Language: Italian (Italiano) 
ZANNI E MAGNIFICO 
 (Prima parte)

 Z.   O Messir
 M.  Che distu?
 Z.   O Patru 
 M.  Che fastu?
 Z.   O Messir 
 M.  Che vostu? 
 Z.   O Patru, a no poss plu canta, perch'a crep de la fam. 
 M.  Ah bestion, fio d'un laro, non t'hastu ben sfondrao?
 Z.   Mo con que, s'a no havì mai pa quant a voref? 
 M.  Poltron, che tutto'l dì ti è stao a tola. Tirr'in mal'ora.
 Z.   Andev'a fa impica.
 M.  Trist'anegao

(Seconda parte)

 M.  O disgratiao! 
 Z.   Che ve piase sagnur?
 M.  Scampao da la galia 
 Z.   Che bramef, ser minchiu?
		Cu cu, cu cu, cu cu 
		Ve ne dispreghi
 M.  Ah laro! 
 Z.   Ve ne disgratiao
 M.  Te ne disgratiao 
 Z.   Orsù, orsù, via paghem. 
 M.  Mo sù, imbriago! Non dubitar gioton c'hastu d'aver. 
 Z.   E voi al me salari: quaranta tre sesi de bu arzent.
 M.  Tiò
 Z.   U 
 M.  Tiò 
 Z.   Do 
 M.  Tiò tiò 
 Z.  Tre, quatter 
 M.  Tira via, a la mal'ora. 
 Z.   Andè al bordel, am racomandi
 M.  Zani 
 Z.   Messir
 M.  O Zani 
 Z.   O Messir 
 M.  Mi ti raccomando
 Z.   Am raccomandi. 

TEDESCO 
(Prima parte) 

 Mi star bon compagnon
 Mi trinchere col fiascon
 Mi piasere moscatelle
 Mi fa garaus di bon.

(Seconda parte)
 Mi folentier star sol
 Mi far tutt'in trunch 
 Mi mangere bon platais
 Mi folere star contente
 Mi non esser minchion
 Mi star bon compagnon. 

LA BELLA FRANCESCHINA
 (Prima parte) 

 E la bella Franceschina ninina buffina 
 La fili butaschina 
 E che la vorria mari nini
 La fili bustachi. 

 E la bella Nicoletta ninetta buffetta
 La fili bustachetta 
 E che la va tropp'in frè nine
 La fili bustache.

(Seconda parte) 

 E la bella Marchesetta ninetta buffetta 
 La fili bustachetta 
 E che la mi vestirà nina
 La fili bustaca. 

 E la bella Menicarda ninarda buffarda 
 La fili bustacarda 
 E che I'è troppo lecca nina
 La fili bustaca. 

 E la bella Riccardona ninona buffona 
 La fili bustacona 
 E che la merta corò nino
 La fili bustacò.

GIROMETTA
 (Prima parte) 

 Chi t'ha fatto quelle scarpette
 Che ti stan si' ben 
 Che ti stan si' ben Girometta
 Che ti stan si' ben? 

 Me I'ha fatte lo mio Amore
 Che mi vol gran ben 
 Che mi vol gran ben Girometta
 Che mi vol gran ben.

(Seconda parte)

 Chi t'ha fatto quelle calzette
 Che ti stan si' ben 
 Che ti stan si' ben Girometta
 Che ti stan si' ben? 

 Me I'ha fatte lo mio Amore
 Che mi vol gran ben 
 Che mi vol gran ben Girometta
 Che mi vol gran ben.

SCOLARO E PEDANTE
(Prima parte) 

 S.  Salve, Magister! 
 P.  Bene, veniat, ti voglio far gustar la scutica.
 S.  Perché? 
 P.  Tu non vinisti ier'al ludo literario 
 S.  Mia madre mi lavò la testa, 
	   e'l zavatino mi conciò le scarpe
 P.  Ah furnuncule, m'hai detto le mendatie. 
	   Ti voglio vapular, per lo Dio Hercule! 
 S.  Non più, Magister!
 P.  Vien'a la scola 
 S.  Ohime, Magister!
 P.  Non far la fuga 
 S.  Ohime, Magister! 
 P.  Ah, tristarello! I'ha cacciat'un dent'in 
	   la cervice a Zambone
 S.  Minimè 
 P.  Ah, impudente!
 S.  Minimè 
 P.  Ah, inurbano!
 S.  No, a la fé!
 P.  Heus, puer
 S.  Adsum 
 P.  Recita la lectiuncula
 S.  Ninc: 
	   "Iam satis terris nivis atque dirae 
	   Grandinis misit pater, et rubente
	   Dextera sacras iaculatus arces,
	   Terruit urbem" 
 P.  Or va con Dio.

(Seconda parte) 

 S.  O dal gimnasio aprite, o là aprite presto presto, 
	   Che 'l cane del fornaio non mii piglia 
 P.  Chi pulsa così nel diluculo a le ianue? 
 S.  Son io 
 P.  Nunc, nunc. E ch'è quest' "io"?
 S.  Muscardino 
 P.  La voce non mi par già di Pubero 
	   di tenere unguicole
 S.  Buon giorno! 
 P.  Hora surgo dal strato; a sterno stravi stratum 
	   primitivo derivatur hoc stratum strati il letto 
 S.  Cancaro venga a sterno stravi, aprit'ormai 
 P.  Hai troppo fretta 
 S.  Il malan' che Dio vi dia! 
 P.  Heu, hei, uha, ahi, ohimè, che non mi bastan tutte
	   l'interiectiones dolentis per deprimer I'ira d'un 
	   mal educato! 
 S.  Ohim'a tua posta, ah Pedante!
 P.  Ah, scelesto!
 S.  Arcipedante! 
 P.  Nato di gerulo!
 S.  Pedantissimo!
 P.  Cinedissimo! 
 S.  Che peggio si può dir che dir Pedante. 
 P.  Abis in malis avibus!

GRAZIANO
(Prima parte)

 O zent, o presson, av'do la bona sira, o Zan. 
 Ah bestiazza selevrad, a son al Duttur Gratian, 
 allias Smursiun. Avrev intrar in consortie s'al ve 
 pias, perch'al dis la sententia di "Vien'a cena, 
 ch'ogni scimia petna lo so scimia". Un'altra 
 similitanza di Diorgano: "Ch'è con le person 
 è in compagnia". O zent, o pasturanza. 

(Seconda parte)

 Ah, ah, ah, ah, ah, cosa dis questor? Al ghe n'è 
 un che dis "E la bella Franceschina ninina buffina 
 La fili bustachina". Es ghe n'è un che dis la me 
 favorita quand'a iera inamorad d'una bella putta, 
 "Chi t'ha fatte quelle scarpette, Che ti stan così ben?" 
 Al ghè quell'altra bestiazza de Zan che dis "a voi al 
 me salarie". E Pantalone ghe dis "tirra via". Al ghè po 
 un cert'invragon che dis "Mi non esser minchion, Mi 
 star bon compagnon". E dov' lassavi una cera d' Hipocarte 
 chal sta sempr'in s'una vosa gridando "Fate ben per voi"? 
 Av' do la bona sira, bon sir.

Authorship

Musical settings (art songs, Lieder, mélodies, (etc.), choral pieces, and other vocal works set to this text), listed by composer (not necessarily exhaustive)


Researcher for this text: John Versmoren

This text was added to the website between May 1995 and September 2003.
Line count: 174
Word count: 863