by Pini

Aria
Language: Italian (Italiano) 
L'iniquo volto è profferito!
Oh come sotto l'onta e l'oltraggio
è grave il pondo di quest' ultimo dì!
Me sventurata, ah! non più cade
dal ciglio stilla di pianto a confortare il core
d'ambascia pieno e di mortal dolore.
Vinse la trama e già l'orrenda accusa
porta nel punto istesso su me la scure
e la corona al vile che smarrito ed oppresso
nel mio tetto fuggiva,
cui scettro armato
e la mia mano offriva;
ben s' addiceva ingrato
di chi t'amò render sì crudo il fato.
Pronto giunga il fatal momento,
lo vedrò ma con fronte serena,
è la colpa che prova spavento,
l' innocenza tranquilla si muor.
Rissovvenga al tiranno consorte
la mia fede l'amplesso primiero
e al compir dell' iniqua mia sorte
il rimorso gli sorga nel cor.

Authorship

Musical settings (art songs, Lieder, mélodies, (etc.), choral pieces, and other vocal works set to this text), listed by composer (not necessarily exhaustive)

Settings in other languages, adaptations, or excerpts:

  • Also set in Russian (Русский), a translation by Anonymous/Unidentified Artist ; composed by Mikhail Ivanovich Glinka.

Researcher for this text: Emily Ezust [Administrator]

Text added to the website: 2005-05-15 00:00:00
Last modified: 2014-06-16 10:02:13
Line count: 22
Word count: 131