by Giovanni Boccaccio (1313 - 1375)

Donna mesta
Language: Italian (Italiano) 
Niuna sconsolata
da dolersi ha quant'io,
che 'nvan sospiro, lassa!, innamorata.
Colui che muove il cielo e ogni stella,
mi fece a suo diletto
vaga, leggiadra, graziosa e bella,
per dar qua giù ad ogn'alto intelletto
alcun segno di quella
biltà, che sempre a lui sta nel cospetto:
e il mortal difetto,
come mal conosciuta,
non m'aggradisce, anzi m'ha dispregiata.
Già fu chi m'ebbe cara, e volentieri
giovinetta mi prese
nelle sue braccia e dentro a'suoi pensieri
e de' miei occhi tutto s'accese;
e 'l tempo, che leggieri
sen vola, tutto in vagheggiarmi spese;
e io, come cortese,
di me il feci degno;
ma or ne son, dolente a me!, privata.
Femmisi innanzi poi presuntuoso
un giovinetto fiero,
sé nobil reputando e valoroso,
e presa tienmi, e con falso pensiero
divenuto è geloso;
laond'io, lassa!, quasi mi dispero,
cognoscendo per vero,
per ben di molti al mondo
venuta, da uno essere occupata.
Io maladico la mia isventura,
quando, per mutar vesta,
sì dissi mai; sì bella nella oscura
mi vidi già e lieta, dove in questa
io meno vita dura,
vie men che prima reputata onesta.
O dolorosa festa,
morta foss'io avanti
che io t'avessi in tal caso provata!
O caro amante, del qual prima fui
più che altra contenta,
che or nel ciel se' davanti a Colui
che ne creò, deh pietoso diventa
di me, che per altrui
te obliar non posso; fa ch'io senta
che quella fiamma spenta
non sia, che per me t'arse,
e costà su m'impetra la tornata.

Authorship

Musical settings (art songs, Lieder, mélodies, (etc.), choral pieces, and other vocal works set to this text), listed by composer (not necessarily exhaustive)

Available translations, adaptations, and transliterations (if applicable):


Researcher for this text: Ferdinando Albeggiani

This text was added to the website: 2011-03-01
Line count: 48
Word count: 252