Lamento
Language: Italian (Italiano) 
Available translation(s): ENG FRE
Lagrime mie, à che vi trattenete?
Perchè non isfogate il fier dolore
che mi toglie 'l respiro e opprime il core?

Lidia che tant'adoro,
perch'un guardo pietoso, ahi, mo donò
il paterno rigor l'impriggionò.
Tra due mura rinchiusa
sta la bella innocente
dove giunger non può raggio di sole;
e quel che più mi duole
ed accresc'al mio mal tormenti e pene,
è che per mia cagione
provi male il mio bene.

E voi, [lumi]1 dolenti, non piangete?
Lagrime mie, à che vi trattenete?

Lidia, ahimè, [veggo]2 mancarmi
l'idol mio che tanto adoro;
sta colei tra duri marmi,
per cui spiro e pur non moro.

Se la morte m'è gradita,
hor che son privo di speme,
deh, togliete mi la vita,
ve ne prego, aspre mie pene.

Ma ben m'accorgo
che per tormentar mi maggiormente
la sorte mi niega anco la morte.

Se dunque è vero, o Dio,
che sol del pianto mio
il mio destino ha sete;
lagrime mie, à che vi trattenete?

View original text (without footnotes)
1 in some more modern sources, "luni"
2 in some more modern sources, "vedo"

Authorship

Musical settings (art songs, Lieder, mélodies, (etc.), choral pieces, and other vocal works set to this text), listed by composer (not necessarily exhaustive)

Available translations, adaptations or excerpts, and transliterations (if applicable):

  • FRE French (Français) (Guy Laffaille) , title 1: "Complainte", copyright © 2011, (re)printed on this website with kind permission
  • ENG English (Jennifer Gliere) , title 1: "Lament", copyright © 2017, (re)printed on this website with kind permission


Research team for this text: Emily Ezust [Administrator] , Guy Laffaille [Guest Editor] , Jennifer Gliere [Guest Editor]

Text added to the website: 2011-10-23 00:00:00
Last modified: 2017-05-11 17:40:13
Line count: 30
Word count: 164