L'impresario in angustie

Opera by Domenico Cimarosa (1749 - 1801)

Word count: 395

. Vado, e giro ne' palchetti [sung text checked 1 time]

Vado, e giro ne' palchetti,    
parlo a questo, parlo a quello,
ed al suon del ritornello
gran silenzio si farà.
A cantar tu poi cominci,
come un flebile usignuolo,
e la gente a stuolo a stuolo
bravo bravo ti dirà.
Da me tosto si ripiglia:
miei signori, la sentite?
È una buona buona figlia,
non sa l'acqua intorbidar.
Se poi sento i zerbinetti,
che ti fàccino i fischietti,
ci è per Bacco ci è la via,
che a dovere gli fa star.
Statti allegra, mia carina,
che vogliamo giubilar.
(Ma non sa la poverina
che se l'opra va giù,
si dirà poi la mattina,
l'impresario non c'è più.)

Authorship

Musical settings (art songs, Lieder, mélodies, (etc.), choral pieces, and other vocal works set to this text), listed by composer (not necessarily exhaustive)

Set by by Domenico Cimarosa (1749 - 1801), 1786, first performed 1786
Researcher for this text: Andrew Schneider [Guest Editor]

. Il meglio mio carattere [sung text checked 1 time]

Il meglio mio carattere,  
che spesso ho recitato,
che più mi sta adattato,
sapete voi qual è?
Di far la villanella
innocentina, e semplice,
che appena sa parlar.
Non mi ponete affatto
nel fasto, e nell'orgoglio
perché così m'imbroglio,
e poi non lo so far.
Intanto la platea,
con un risetto a questo,
un'occhiatina a quello
applauso mi farà.
Così voi regolatevi,
perché il maestro poi
farà co' la sua musica
il pezzo risaltar.

Authorship

Musical settings (art songs, Lieder, mélodies, (etc.), choral pieces, and other vocal works set to this text), listed by composer (not necessarily exhaustive)

Set by by Domenico Cimarosa (1749 - 1801), 1786, first performed 1786
Researcher for this text: Andrew Schneider [Guest Editor]

. Io son placida, e serena [sung text checked 1 time]

Io son placida, e serena,  
son modesta, e costumata,
canto l'aria, e fo la scena
senza tanto cicalar.
Ma se vedo poi per sorte,
che lei faccia bagattella
or con questa, ed or con quella
per qui farmi disperar.
Sappia pure il signor mio
ch'io son donna ancor di brio.
Tengo ancora le mie lune,
che mi fanno rispettar.
(È cambiato di colore,
si fa pallido il meschino:
oh che caro babbuino
veramente è questo qua!)

Authorship

Musical settings (art songs, Lieder, mélodies, (etc.), choral pieces, and other vocal works set to this text), listed by composer (not necessarily exhaustive)

Set by by Domenico Cimarosa (1749 - 1801), 1786, first performed 1786
Researcher for this text: Andrew Schneider [Guest Editor]

. Lo mpressario, gioia mia [sung text checked 1 time]

Lo mpressario, gioia mia,  
ha d'avere ste tre cose:
lo raggiro, la boscia,
mutria tosta, e niente cchiù.
Si quacch'uno vò denare,
piglia tiempo, e campanea:
quann'è chiena la platea,
di' ca pierde, e ngrassa tu.
Quanno l'opera va mpoppa,
tienne mano a le mesate.
Ca po' appriesso le tronate
te potranno nnabbessà.
Le cantante, arrassosia!
Voca fora, ch'è maretto,
ca si no a la vicaria
zita bona vaje a fà.
Al poeta, ed al maestro
sbena sulo la mandeca,
ca si no non bene l'estro,
e non sanno fatecà.
Ma po' a quante nce ne stanno:
luminari ~ barchettari,
architetti, sediari,
mastedasce, soffiatori,
cuseture, e compagnia.
Lo raggiro, la boscia,
mutria tosta, e niente cchiù.
Haje sentuta mò la scola,
l'haje caputa ~ comme va?
Solo al masto, ed al poeta
molla aruta, e lassa fa.

Authorship

Musical settings (art songs, Lieder, mélodies, (etc.), choral pieces, and other vocal works set to this text), listed by composer (not necessarily exhaustive)

Set by by Domenico Cimarosa (1749 - 1801), 1786, first performed 1786
Researcher for this text: Andrew Schneider [Guest Editor]