by Anonymous / Unidentified Author
Translation by Anonymous / Unidentified Author

Carolina
Language: Italian - Neapolitan (dialect) 
Aggio visto na figliola, 
bell'assaje e graziosa,
tutt'acconcia e vrucculosa, uh!
che zuccaro che d'e'!
Quanto e' doce chella vocca,
quant' e' bello chillo riso!
tu te cride mparadiso 
quanno sta vicino a te.

Quann'a sera stonco sulo,
Penso sempe a Carolina;
Vene nsuonno a mme vicino,
M'accarezza e se nne va.
Quanno po' se schiara juorno,
Chella varca menco a maro,
Voca vo... che buo' vocare,
N'aggio forza de voca'.

Caroli' quante si' bella
Co sto musso a cerasiello!
Ch'aggio fatto io puveriello
Che mme faje tanto pate'?
Dice buono Tata mio,
Oh! che guajo che e' l'ammore,
Tu te vide a tutte l'ore,
Mpilo, mpilo ajeme' spere'.

Tu te cride ca non pozzo?
Io non songo no falluto.
No, vestito de velluto
Te lo faccio mmereta'.
Quanno po' jamm'a Puzzano,
Chi te dice: quant'e' bella!
Chi: mme pare na fatella
Mieze a tutte chelle lla'.

Aggio perzo a pace ntunno,
Chiu' non beco, chiu' nun sento;
Faccio sempe nu lamiento;
Ah chi sa si pensa a me?
Si speranza chiu' nun aggio
Ca tu bene mme vurraje,
Viene a mare e truvarraje
Nu cadavere pe tte!

Authorship

Musical settings (art songs, Lieder, mélodies, (etc.), choral pieces, and other vocal works set to this text), listed by composer (not necessarily exhaustive)

Settings in other languages, adaptations, or excerpts:

Other available translations, adaptations or excerpts, and transliterations (if applicable):


Researcher for this text: Emily Ezust [Administrator]

This text was added to the website: 2014-05-26
Line count: 40
Word count: 188

Ho veduta una fanciulla
Language: Italian (Italiano)  after the Italian - Neapolitan (dialect) 
Ho veduta una fanciulla,
assai bella e graziosa,
tutta linda ed amorosa,
ella e' un zucchero per me!
Quant' e' dolce quella bocca,
come e' caro il suo sorriso!
tu ti credi in paradiso
quando sta vicino a te.

Quando a sera sto soletto
Penso sempre a Carolina;
A me in sonno s'avvicina,
M'accarezza, e se ne va!
Quando poi si schiara giorno,
Che la barca gitto a mare,
Voga vo... che vuoi vogare,
Forza alcuna in me non v'ha!

Angiol mio, quanto sei bella
Con quel labbro corallino!
Che ti ho fatto io poverino,
Che mi fai tanto soffrir?
Ah ! ben dice il babbo mio
Che un gran guaio e' far l'amore,
Tu ti vedi in tutte l'ore,
Quasi prossimo a morir!

Pensi tu ch'io sia fallito,
Che io mi fossi appien caduto?
No, un estito di velluto
Per te, o cara, e' pronto gia'!
Quando andrem indi a Pozzano,
Chi ti dice: quant'e' bella!
Chi: costei pare una stella!
Ed onore ognun ti fa!

La mia pace ho gia' perduta,
Piu' non vedo, piu' non sento;
Io fo sempre un sol lamento:
Ahi chi sa se pensa a me?
Ma se perdo la speranza
Che tu bene mi vorrai,
Vieni a mare e troverai
Un cadavere per te!

About the headline (FAQ)

From the Cottrau score.


Authorship

Based on

Musical settings (art songs, Lieder, mélodies, (etc.), choral pieces, and other vocal works set to this text), listed by composer (not necessarily exhaustive)

    [ None yet in the database ]


Researcher for this text: Emily Ezust [Administrator]

This text was added to the website: 2014-05-26
Line count: 40
Word count: 211