Drei Sonette nach Petrarcas „Canzoniere“

Song Cycle by Hans Martin Gräbner (b. 1967)

Word count: 294

1. Sonnet 33 [sung text checked 1 time]

Già fiammeggiava l’amorosa stella
per l’orïente, et l’altra che Giunone
suol far gelosa nel septentrïone,
rotava i raggi suoi lucente et bella;

levata era a filar la vecchiarella,
discinta et scalza, et desto avea ’l carbone,
et gli amanti pungea quella stagione
che per usanza a lagrimar gli appella:

quando mia speme già condutta al verde
giunse nel cor, non per l’usata via,
che ’l sonno tenea chiusa, e ’l dolor molle;

quanto cangiata, oimè, da quel di pria!
Et parea dir: Perché tuo valor perde?
Veder quest’occhi anchor non ti si tolle.

Authorship

Available translations, adaptations or excerpts, and transliterations (if applicable):

Researcher for this text: Malcolm Wren [Guest Editor]

2. Sonnet 167 [sung text checked 1 time]

Quando Amor i belli occhi a terra inchina
e i vaghi spirti in un sospiro accoglie
co le sue mani, et poi in voce gli scioglie,
chiara, soave, angelica, divina,

sento far del mio cor dolce rapina,
et sí dentro cangiar penseri et voglie,
ch’i’ dico: Or fien di me l’ultime spoglie,
se ’l ciel sí honesta morte mi destina.

Ma ’l suon che di dolcezza i sensi lega
col gran desir d’udendo esser beata
l’anima al dipartir presta raffrena.

Cosí mi vivo, et cosí avolge et spiega
lo stame de la vita che m’è data,
questa sola fra noi del ciel sirena.

Authorship

Available translations, adaptations or excerpts, and transliterations (if applicable):

Researcher for this text: Malcolm Wren [Guest Editor]

3. Sonnet 274 [sung text checked 1 time]

Datemi pace, o duri miei pensieri:
non basta ben ch’Amor, Fortuna et Morte
mi fanno guerra intorno e ’n su le porte,
senza trovarmi dentro altri guerreri?

Et tu, mio cor, anchor se’ pur qual eri,
disleal a me sol, che fere scorte
vai ricettando, et se’ fatto consorte
de’ miei nemici sí pronti et leggieri?

In te i secreti suoi messaggi Amore,
in te spiega Fortuna ogni sua pompa,
et Morte la memoria di quel colpo

che l’avanzo di me conven che rompa;
in te i vaghi pensier’ s’arman d’errore:
perché d’ogni mio mal te solo incolpo.

Authorship

See other settings of this text.

Available translations, adaptations or excerpts, and transliterations (if applicable):

  • ENG English (Andrew Schneider) , copyright © 2019, (re)printed on this website with kind permission
  • FRE French (Français) (Francisque Reynard)

Researcher for this text: Malcolm Wren [Guest Editor]