by Francesco Petrarca (1304 - 1374)

Or che 'l ciel e la terra e 'l vento...
Language: Italian (Italiano) 
Available translation(s): CAT ENG
Or che 'l ciel e la terra e 'l vento tace,
E le fere e gli augelli il sonno affrena,
Notte il carro stellato in giro mena
E nel suo letto il mar senz'onda giace;

Vegghio, penso, ardo, piango; e chi mi sface
Sempre m'è inanzi per mia dolce pena:
Guerra è il mio stato, d'ira et di duol piena;
E sol di lei pensando ho qualche pace.

Così sol d'una chiara fonte viva
Move 'l dolce e l'amaro ond'io mi pasco;
Una man sola mi risana e punge.

E perchè 'l mio martìr non giunga a riva,
Mille volte il dì moro e mille nasco;
Tanto da la salute mia son lunge!

About the headline (FAQ)

Confirmed with Francesco Petrarca, Il Canzoniere con le note di Giuseppe Rigutini, rifuse e di molto accresciute da Michele Scherillo. Terza edizione, rinnovata. Ulrico Hoepli, editore libraio della real casa, Milano, 1918, page 319; and with Le Rime di Francesco Petrarca secondo la revisione ultima del poeta a cura di Giuseppe Salvo Cozzo. In Firenze, G. C. Sansoni, editore. 1904, page 172.


Authorship:

Musical settings (art songs, Lieder, mélodies, (etc.), choral pieces, and other vocal works set to this text), listed by composer (not necessarily exhaustive):

Settings in other languages, adaptations, or excerpts:

Other available translations, adaptations or excerpts, and transliterations (if applicable):


Research team for this text: Emily Ezust [Administrator] , Peter Rastl [Guest Editor]

This text was added to the website between May 1995 and September 2003.
Line count: 14
Word count: 113