Seven Sonnets of Michelangelo

Song Cycle by (Edward) Benjamin Britten (1913 - 1976)

Word count: 0

Spanish (Español) translation: Siete Sonetos por Michelangelo ( Juan Henríquez Concepción)
English translation: Seven Sonnets of Michelangelo ( Carl Johengen)
French (Français) translation: Sept sonnets de Michel-Ange ( Guy Laffaille)

1. Sonetto XVI [sung text checked 1 time]

Sì come nella penna e nell'inchiostro
È l'alto e 'l basso e 'l mediocre stile,
E ne' marmi l'immagin ricca e vile,
Secondo che 'l sa trar l'ingegno nostro;
Così, signor mie car, nel petto vostro,
Quante l'orgoglio, è forse ogni atto umile:
Ma io sol quel c'a me proprio è e simile
Ne traggo, come fuor nel viso mostro.
Chi semina sospir, lacrime e doglie,
(L'umor dal ciel terreste, schietto e solo,
A vari semi vario si converte),
Però pianto e dolor ne miete e coglie;
Chi mira alta beltà con sì gran duolo,
Dubbie speranze, e pene acerbe e certe.

Authorship

Available translations, adaptations or excerpts, and transliterations (if applicable):

  • ENG English (Carl Johengen) , "Sonnet XVI", copyright ©, (re)printed on this website with kind permission
  • ENG English (John Addington Symonds) , "Love and art", from The Sonnets of Michael Angelo Buonarroti and Tommaso Campanella now for the first time translated into rhymed English, first published 1878
  • FRE French (Français) (Guy Laffaille) , "Sonnet XVI", copyright © 2009, (re)printed on this website with kind permission
  • SPA Spanish (Español) (Juan Henríquez Concepción) , copyright © 2008, (re)printed on this website with kind permission

Researcher for this text: Emily Ezust [Administrator]

2. Sonetto XXXI [sung text checked 1 time]

A che più debb'io mai l'intensa voglia
Sfogar con pianti o con parole meste,
Se di tal sorte 'l ciel, che l'alma veste,
Tard' o per tempo, alcun mai non ne spoglia?
A che 'l cor lass' a più [morir]1 m'invoglia,
S'altri pur dee morir? Dunque per queste
Luci l'ore del fin fian men moleste;
Ch'ogn' altro ben val men ch'ogni mia doglia.
Però se 'l colpo, ch'io ne rub' e 'nvolo,
Schifar non poss'; almen, s'è destinato,
Ch entrerà 'nfra la dolcezza e 'l duolo?
Se vint' e pres' i' debb'esser beato,
Maraviglia non è se nud' e solo,
Resto prigion d'un Cavalier armato.

Authorship

See other settings of this text.

Available translations, adaptations or excerpts, and transliterations (if applicable):

  • ENG English (Carl Johengen) , "Sonnet XXXI", copyright ©, (re)printed on this website with kind permission
  • ENG English (John Addington Symonds) , "To Tommaso de' Cavalieri: Love's lordship", from The Sonnets of Michael Angelo Buonarroti and Tommaso Campanella now for the first time translated into rhymed English, first published 1878
  • ENG English (Charles Hopkins) , "What point is there in still giving vent to my intense longing", written 2002, copyright ©, (re)printed on this website with kind permission
  • FRE French (Français) (Guy Laffaille) , "Sonnet XXXI", copyright © 2015, (re)printed on this website with kind permission
  • SPA Spanish (Español) (Juan Henríquez Concepción) , copyright © 2008, (re)printed on this website with kind permission

View original text (without footnotes)
1 K. Sorabji: "languir"

Research team for this text: Emily Ezust [Administrator] , Poom Andrew Pipatjarasgit [Guest Editor]

3. Sonetto XXX [sung text checked 1 time]

  Veggio co' be' [vostr'occhi]1 un dolce lume
che co' mie ciechi già veder non posso;
porto co' vostri piedi un pondo addosso,
che de' mie zoppi non è già costume.
  Volo con le vostr'ale senza piume;
col [vostro ingegno]2 al ciel sempre son mosso;
dal [vostro arbitrio]3 son pallido e rosso,
freddo al sol, caldo alle più fredde brume.
  Nel voler vostro è sol la voglia mia,
i miei pensier nel vostro cor si fanno,
nel vostro fiato son le mie parole.
  Come luna da sé sol par ch'io sia,
ché gli occhi nostri in ciel veder non sanno
se non quel tanto che n'accende il sole.

Authorship

See other settings of this text.

Available translations, adaptations or excerpts, and transliterations (if applicable):

View original text (without footnotes)
1 Britten: "vostri occhi"
2 Britten: "vostr'ingegno"
3 Britten: "vostr'arbitrio"

Researcher for this text: Emily Ezust [Administrator]

4. Sonetto LV [sung text checked 1 time]

Tu sa, ch'io so, signor mie, che tu sai
Ch'i [veni]1 per goderti più da presso;
E sai ch'i' so, che tu sa' c'i' son desso:
A che più indugio a salutarci omai?
Se vera è la speranza che mi dai,
Se vero è 'l [buon]2 desio che m'è concesso,
Rompasi il mur fra l'uno e l'altro messo;
Chè doppia forza hann' i celati guai.
S'i' amo sol di te, signor mie caro,
Quel che di te più ami, non ti sdegni;
Che l'un dell'altro spirto s'innamora,
Quel che nel tuo bel volto bramo e 'mparo,
E mal compres' è degli umani ingegni,
Chi 'l vuol [veder]3, convien che prima mora.

Authorship

See other settings of this text.

Available translations, adaptations or excerpts, and transliterations (if applicable):

View original text (without footnotes)
1 K. Sorabji: "vengo"
2 K. Sorabji: "gran"
3 K. Sorabji: "saper"

Research team for this text: Emily Ezust [Administrator] , Poom Andrew Pipatjarasgit [Guest Editor]

5. Sonetto XXXVIII [sung text checked 1 time]

Rendete agli occhi miei, o fonte o fiume,
L'onde della non vostra e salda vena.
Che più v'innalza, e cresce, e con più lena
Che non è 'l vostro natural costume.
E tu, folt'air, che 'l celeste lume
Tempri a' tristi occhi, de' sospir miei piena,
Rendigli al cor mio lasso e rasserena
Tua scura faccia al mio visivo acume.
Renda la terra i passi alle mie piante,
Ch'ancor l'erba germogli che gli è tolta;
E 'l suono Ecco, già sorda a' miei lamenti;
Gli sguardi agli occhi mie, tue luci sante,
Ch'io possa altra bellezza un'altra volta
Amar, po' che di me non ti contenti.

Authorship

Available translations, adaptations or excerpts, and transliterations (if applicable):

  • ENG English (Carl Johengen) , "Sonnet XXXVIII", copyright ©, (re)printed on this website with kind permission
  • FRE French (Français) (Guy Laffaille) , "Sonnet XXXVIII", copyright © 2015, (re)printed on this website with kind permission
  • SPA Spanish (Español) (Juan Henríquez Concepción) , copyright © 2008, (re)printed on this website with kind permission

Researcher for this text: Emily Ezust [Administrator]

6. Sonetto XXXII [sung text checked 1 time]

S'un casto amor, s'una pietà superna,
S'una fortuna infra dua amanti equale,
S'un'aspra sorte all'un dell'altro cale,
S'un spirto, s'un voler duo cor governa;
S'un'anima in duo corpi è fatta etterna,
Ambo levando al cielo e con pari ale;
S'amor c'un colpo e d'un dorato strale
Le viscer di duo petti arda e discerna;
S'amar l'un l'altro, e nessun se medesmo,
D'un gusto e d'un diletto, a tal mercede,
C'a un fin voglia l'uno e l'altro porre;
Se mille e mille non sarien centesmo
A tal nodo d'amore, a tanta fede;
E sol l'isdegno il può rompere e sciorre.

Authorship

Available translations, adaptations or excerpts, and transliterations (if applicable):

Researcher for this text: Emily Ezust [Administrator]

7. Sonetto XXIV [sung text checked 1 time]

Spirto ben nato, in cui si specchia e vede
Nelle tuo belle membra oneste e care
Quante natura e 'l ciel tra no' puo' fare,
Quand'a null'altra suo bell'opra cede;
Spirto leggiadro, in cui si spera e crede
Dentro, come di fuor nel viso appare,
Amor, pietà, mercè, cose sì rare
Che mà furn'in beltà con tanta fede;
L'amor mi prende, e la beltà mi lega;
La pietà, la mercè con dolci sguardi
Ferma speranz'al cor par che ne doni.
Qual uso o qual governo al mondo niega,
Qual crudeltà per tempo, o qual più tardi,
C'a sì bel viso morte non perdoni?

Authorship

Go to the single-text view

Available translations, adaptations or excerpts, and transliterations (if applicable):

  • ENG English (Carl Johengen) , "Sonnet XXIV", copyright ©, (re)printed on this website with kind permission
  • FRE French (Français) (Guy Laffaille) , "Sonnet XXIV", copyright © 2015, (re)printed on this website with kind permission
  • SPA Spanish (Español) (Juan Henríquez Concepción) , copyright © 2008, (re)printed on this website with kind permission

Researcher for this text: Emily Ezust [Administrator]