by Michelangelo Buonarroti (1475 - 1564)

Veggio co' be' vostr'occhi un dolce lume
Language: Italian (Italiano) 
Available translation(s): ENG FRE SPA
  Veggio co' be' [vostr'occhi]1 un dolce lume
che co' mie ciechi già veder non posso;
porto co' vostri piedi un pondo addosso,
che de' mie zoppi non è già costume.
  Volo con le vostr'ale senza piume;
col [vostro ingegno]2 al ciel sempre son mosso;
dal [vostro arbitrio]3 son pallido e rosso,
freddo al sol, caldo alle più fredde brume.
  Nel voler vostro è sol la voglia mia,
i miei pensier nel vostro cor si fanno,
nel vostro fiato son le mie parole.
  Come luna da sé sol par ch'io sia,
ché gli occhi nostri in ciel veder non sanno
se non quel tanto che n'accende il sole.

About the headline (FAQ)

View original text (without footnotes)
1 Britten: "vostri occhi"
2 Britten: "vostr'ingegno"
3 Britten: "vostr'arbitrio"

Authorship

Musical settings (art songs, Lieder, mélodies, (etc.), choral pieces, and other vocal works set to this text), listed by composer (not necessarily exhaustive)

Settings in other languages, adaptations, or excerpts:

Other available translations, adaptations or excerpts, and transliterations (if applicable):


Researcher for this text: Emily Ezust [Administrator]

Text added to the website between May 1995 and September 2003.
Last modified: 2017-04-19 10:46:38
Line count: 14
Word count: 108