Il Terzo Libro de Madrigali

Song Cycle by Sigismondo d'India (1582? - 1629?)

Word count: 1004

1. Dispietata pietate [sung text checked 1 time]

Dispietata pietate 
fu la tua veramente, o Dafne, allora
che ritenesti il dardo:
però che'l mio morire 
più amaro sarà quanto più tardo.
Ed or perché m'avvolgi 
per sì diverse strade e per sì vari
ragionamenti invano? Di che temi?
Temi ch'io non m'uccida?
Temi del mio bene. 
Deh, lasciami morire in tante pene.

Authorship

Available translations, adaptations or excerpts, and transliterations (if applicable):

  • ENG English (unknown or anonymous translator) , "Your mercy truly"

Researcher for this text: John Versmoren

2. Dove, ah, dove ten vai [sung text checked 1 time]

Dove, ah, dove ten vai, 
unico del mio cor dolce conforto?
Poi che non lunge omai 
dal mio lungo cammin si scopre il porto,
Perché mi fuggi e m'abbandoni, ahi lasso,
sul periglioso passo? 
Qual ben or più m'avanza, 
se fuggi tu, dolcissima Speranza? 

Authorship

Researcher for this text: John Versmoren

3. Dovrò dunque morire [sung text checked 1 time]

[Dovrò dunque morire,
a che di nuovo io miri]1
voi, bramata cagion de miei martiri?
Mio perduto tesoro, 
non [poter]2 dirvi, pria ch'io mora: "Io Moro"?
O miseria inaudita, 
non poter dir a voi: "Moro, mia vita".

Authorship

See other settings of this text.

Available translations, adaptations or excerpts, and transliterations (if applicable):

  • ENG English (Andrew Huth) , "Must I then die?", copyright ©, (re)printed on this website with kind permission
  • FRE French (Français) (Guy Laffaille) , "Dois-je donc mourir", copyright © 2019, (re)printed on this website with kind permission

View original text (without footnotes)
1 Caccini: "Dovrò dunque morire? / Pria che di nuovo io miri"
2 Caccini: "potrò"

Researcher for this text: John Versmoren

4. Donna, quanto più a dentro [sung text checked 1 time]

Donna, quanto più a dentro
conobbi il vostro core, 
tanto a darvi credenza io son più tardo.
Né stimo quel di fuore, 
io dico: un vago inchino, un dolce sguardo,
un dir "nel foco io ardo",
un scolorir di viso, 
un dolente sospir un lieto riso.

Authorship

Researcher for this text: John Versmoren

5. Canzone di Lontananza [sung text checked 1 time]

È partito il mio bene, 
ho perduto il mio core. Ohimè qual vita
in vita or mi sostiene?
Lasso! com'è rimaso 
fosco il sol, negro il cielo!
Il dì giunto è all'occaso,
amor fatto è di gelo. 
Duro partir che m'hai l'alma partita,
chi ti chiamò partire 
dovea con più ragion dirti morire.

O Dio! quel dolce addio, 
che piangendo mi disse, a cui piangendo
addio risposi anch'  io, 
deh, come da la spoglia
l'anima non divise? 
O come per gran doglia
la vita non uccise? 
Alma e vita non ho, poiché perdendo
il mio dolce conforto, 
addio dirgli ho potuto e non son morto. 

Authorship

Researcher for this text: John Versmoren

6. Ardemmo insieme [sung text checked 1 time]

Ardemmo insieme bella donna ed io
di sì subito ardore 
al Iampeggiar de I'uno e l'altro sguardo,
che se fusse tra noi part il desio. 

"O che soave amore" 
parean dir gli occhi suoi,
verso me scintillando,
"ardi, ardi, ch'io ardo."
Lasso! m'avvidi poi, 
quando il mio ben mi fu celato e tolto,
che l'un l'avea nel cor, l'altro nel volto.

Authorship

Researcher for this text: John Versmoren

7. Perché non mi mirate [sung text checked 1 time]

Perché non mi mirate,
occhi crudi o pietosi, 
Iummi dolci o sdegnisi?
Per non mi far gioire,
per non mi far morire?
Miratemi, mirate, 
perché voi m'uccidete e mi beate! 

Authorship

Researcher for this text: John Versmoren

8. O fugace, o superba [sung text checked 1 time]

O fugace, o superbe, o più che vento
rapida e lieve, o più che marmo dura
a le mie voci, ed all'incendio mio
via più fredda che neve, 
Amarilli crudel, spietata e ria! 
Ove fuggi, o chi fuggi, o perché fuggi?
Deh, ferma, ohimè, lo sbigottito piede,
Amarilli, deh, torna, e ferma alquanto!
Amarilli fugace, ove mi lasci?

Authorship

Researcher for this text: John Versmoren

9. Deh, s'io v'ho dato il core [sung text checked 1 time]

Deh, s'io v'ho dato il core,
dolcissimo mio bene, 
qual più segno maggiore
dell'amor mio volete? 
Ah, che voi m'ancidete, 
se ch'io non v'ami, anima mia, credete.

Authorship

Researcher for this text: John Versmoren

10. Deh, chi mi fa languire [sung text checked 1 time]

Deh, chi mi fa languire,
sorte perversa e ria? 
Il mio cor, l'alma mia.
Deh, chi mi fa morire,
o mia pena infinita? 
Il mio ben, la mia vita. 
E mentre parlo e invan sospiro e ploro, 
io spasmo, ohimè, io vengo meno, io moro.

Authorship

Researcher for this text: John Versmoren

11. Dove, dove son io? [sung text checked 1 time]

Dove, dove son io? 
Ohimè, chi mi ferisce?
Ohimè, chi mi rapisce? 
Oh nell'Egeo d'amor dolce sirena,
ch'immergi l'alme in sì soave oblio!
Ma che ninfa terrena, 
ma che sirena! Stolto! io giurerei 
che, se il volle mi scuopri, Angela sei!

Authorship

Researcher for this text: John Versmoren

12. Mercè, grido piangendo [sung text checked 1 time]

"Mercè!" grido piangendo
Ma chi m'ascolta? Ahi lasso! io vengo meno.
Morrò dunque tacendo. 
Deh, per pietade, almeno,
o del mio cor tesoro, 
potessi dirti, pria ch'io mora: "Io moro".

Authorship

See other settings of this text.

Available translations, adaptations or excerpts, and transliterations (if applicable):

  • GER German (Deutsch) (Bertram Kottmann) , "Weinend ruf ich um Erbarmen", copyright © 2015, (re)printed on this website with kind permission

Researcher for this text: John Versmoren

13. Quell'augellin che canta [sung text checked 1 time]

Quell'augellin che canta 
sì dolcemente e lascivetto vola
[ora dall'abete]1 al faggio,
ed or dal faggio al mirto,
s'avesse umano spirto, 
direbbe: "Ardo d'amore, ardo d'amore."
Ma ben arde nel core
[e parla in sua favella, 
sì che l'intende il suo dolce desio.
Ed odi a punto, Silvio,
il suo dolce desio 
che gli risponde: "Ardo d'amore anch'io."]2

Authorship

See other settings of this text.

Available translations, adaptations or excerpts, and transliterations (if applicable):

  • FRE French (Français) (Guy Laffaille) , "Ce petit oiseau qui chante", copyright © 2013, (re)printed on this website with kind permission

View original text (without footnotes)
1 Monteverdi: "or da l'abete"
2 Monteverdi:
  e chiam'il suo desio
  che li rispond': «Ardo d'amor anch'io.»
  Che sii tu benedetto,
  amoroso, gentil, vago augelletto.

Researcher for this text: John Versmoren

14. Io mi son giovinetta [sung text checked 1 time]

"Io mi son giovinetta 
e rido e canto alla stagion novella",
cantava la mia dolce pastorella,
[quando subitamente]1
[quando l'ali]2 il cor mio 
[spiegò come augellin subitamente
tutto lieto e ridente, 
cantando in sua favella:]3
"Son giovinetto anch'io 
e rido e canto [a più beata]4 e bella
primavera d'amore, 
che nei begli occhi tuoi fiorisce." Ed ella:
"Fuggi, se saggio sei," - disse - :l'ardore,
fuggi, chè in questi rai 
primavera per te non sarà mai."

Authorship

See other settings of this text.

Available translations, adaptations or excerpts, and transliterations (if applicable):

  • FRE French (Français) (Guy Laffaille) , "Je suis une jeune fille", copyright © 2013, (re)printed on this website with kind permission

View original text (without footnotes)
Note: The model for these verses lies in a poem by Boccaccio

1 omitted by d'India
2 Monteverdi: "a quel canto"
3 Monteverdi: "cantò quasi augellin vago e ridente:"
4 Monteverdi: "alla gentil"

Researcher for this text: John Versmoren

15. Ombrose e care selve [sung text checked 1 time]

Ombrose e care selve, 
se sospirando in flebili sussurri
al nostro lamentar vi lamentaste,
gioite anco al gioire, e tante lingue
sciogliete quante frondi
scherzando al suon di queste 
piene del gioir nostro aure ridenti.
Cantate le venture e le dolcezze
d'Amarilli e di Tirsi,
avventurosi amanti.

Authorship

Researcher for this text: John Versmoren

16. Lasso, dicea Fileno [sung text checked 1 time]

"Lasso", dicea Fileno
alla sua bella Clori: 
"Tu mi dicesti: 'mori!';
ed io per tuo contento
or di morir consento. 

Ecco ch'io movo in ver la morte il passo
e m'involo al sereno 
del dì, del sol, dei tuoi fulgenti rai.
Più on mi rivedrai. 

Ma ben ti seguirò di vita casso,
nudo spirto, ombra errante:
nemico sì, come or ti son amante".

Authorship

Researcher for this text: John Versmoren

17. Chi vuol aver felice [sung text checked 1 time]

[Chi vuol aver]1 felice e lieto il core,
non segua il crudo Amore,
quel lusinghier che ancide,
quando più scherza e ride; 
ma tema di beltà, di leggiadria
l'aura fallace e ria. 
Al pregar non risponda, alla promessa
non creda: e se s'appressa, 
fugga pur, che baleno è quel ch'alletta;
né mai balena Amor, se non saetta.

Authorship

See other settings of this text.

Available translations, adaptations or excerpts, and transliterations (if applicable):

  • ENG English (unknown or anonymous translator) , "If you wish your heart to be happy and gay"
  • FRE French (Français) (Guy Laffaille) , copyright © 2018, (re)printed on this website with kind permission

View original text (without footnotes)
1 Monteverdi: "Chi vol haver"

Researcher for this text: John Versmoren

18. Indarno Febo [sung text checked 1 time]

Indarno Febo il suo bell'oro eterno
e Cinzia mi disvela il puro argento,
ch'io lontano da voi nulla non sento.
E move indarno lusinghievol vento
e tra bell'erbe di ruscello il suono, 
ch'io lontano da voi nulla non sento;
Ohimè, dell'esser mio poco ragiono:
ch'io lontano da voi nulla non sono.

Authorship

See other settings of this text.

Available translations, adaptations or excerpts, and transliterations (if applicable):

  • ENG English (unknown or anonymous translator) , "In vain does Febo"

Researcher for this text: John Versmoren

19. O rimembranza amara [sung text checked 1 time]

O rimembranza amara,
che somministri al core
infinito dolore, 
omai partiti a volo; 
e con l'acceso stuolo
degli alati sospiri 
partansi i miei desiri. 

O rimembranza amara,
fui ben per te felice;
or sei del viver mio, 
se non ti prenda oblio,
solo tormentatrice. 

Authorship

Researcher for this text: John Versmoren

20. Non è di gentil core [sung text checked 1 time]

Non è di gentil core
chi non arde d'amore. 
Ma voi, che del mio cor l'anima sete,
e nel foco d'amor lieta vivete,
sete di gentil core, 
perché ardete d'amore.

Authorship

See other settings of this text.

Available translations, adaptations or excerpts, and transliterations (if applicable):

  • ENG English (unknown or anonymous translator) , "His heart is not refined"
  • FRE French (Français) (Guy Laffaille) , copyright © 2019, (re)printed on this website with kind permission

Researcher for this text: John Versmoren